Falsi incidenti, 55 persone denunciate

Falsi incidenti, 55 persone denunciate

55 persone, tra le quali alcune legate da vincoli di parentela, sono state denunciate a Platì dai carabinieri perché ritenute, a vario titolo, responsabili di concorso in truffa, danneggiamento fraudolento di beni assicurati e mutilazione fraudolenta della propria persona.

L'inchiesta è partita dalla denuncia/querela sporta da un amministratore titolare di un'azienda di autodemolizione contro ignoti per il reato di truffa, scaturito dalla falsa attestazione di fatture relative ad un incidente stradale mai avvenuto.

I carabinieri del Gruppo di Locri, in base ad una denuncia hanno sentito alcune persone coinvolte nella vicenda e residenti nel territorio della Locride. Il danno complessivo accertato ai danni delle compagnie assicurative ammonterebbe a circa 250.000 euro.

È emerso così che da luglio 2011 ad agosto 2013, oltre a quello vi erano stati altri 17 sinistri tutti a carico dello stesso soggetto indicato come contraente assicurativo, tutti conclusi con constatazione amichevole di incidente.

L'elaborazione dei dati, ha permesso di rilevare condotte illecite poste in essere dalle parti coinvolte nei sinistri, nella qualità di conducenti di veicoli con responsabilità principale, di conducenti e/o terzi trasportati di veicoli di controparte, di testimoni che avessero assistito al sinistro. Le dinamiche denunciate erano le più svariate e molto spesso sospette: c'era chi segnalava di essere rimasto coinvolto in sinistri avvenuti in epoca passata, chi danneggiava personalmente le autovetture o sostituiva parti integre con pezzi danneggiati in modo da far apparire compatibili i danni denunciati durante le perizie alle quali venivano sottoposti.

Le compagnie assicurative, venute a conoscenza degli illeciti, hanno presentato oltre 30 querele e hanno sospendendo anche l'erogazione dei risarcimenti richiesti.

Come accennato gli indagati, nel porre in essere le condotte delittuose contestate, si avvalevano della fondamentale compiacenza di legali nella pre-costituzione della documentazione da produrre alle compagnie assicurative unitamente alle richieste risarcitorie.

Nel corso delle indagini è stata analizzata la documentazione di oltre 20 sinistri artefatti e sono state sentite circa 70 persone. Sono emerse anche 285 marche da bollo contraffatte.