Fabio Aru stravince la maglia tricolore. Sottotono i varesini

Fabio Aru stravince la maglia tricolore. Sottotono i varesini

Tra le donne elite, Elisa Longo Borghini (G.S. Fiamme Oro) ha vinto il titolo nazionale e si è laureata campionessa italiana in linea, bissando il successo di venerdì nella prova a cronometro. "Ma nell'ultima scalata a La Serra dopo che Dario Cataldo gli aveva preparato il terreno, lo scatto di Fabio Aru è stato letale: "il sardo ha scollinato con una trentina di secondo sui primi inseguitori e non si è più voltato indietro, vincendo con 40 su Ulissi, Nocentini ma anche Damiano Caruso (BMC Racing) e un convincente Gianni Moscon (Team Sky) mentre a 48" sono arrivati Marco Canola (Nippo-Vini Fantini), Felline, Sonny Colbrelli (Bahrain Merida), Matteo Trentin (QuickStep Floors) e a 50", decimo assoluto, Davide Rebellin (Kuwait-Cartucho.es). "Adesso che è sudata da campione italiano la donerò alla sua famiglia", ha detto il neo campione d'Italia ai microfoni di RaiSport. Tricolore che indosserà per la durata di un anno e soprattutto con quella indosso correrà il Tour de France in programma a partire dal 1° luglio.

Nel percorso da Asti a Ivrea, Aru domina gli avversari e si porta a casa la maglia tricolore. La vita è fatta di momenti belli e momenti brutti e io ho avuto dei mesi molto difficili ma ora sto rivedendo la luce. "Allo scollinamento, Aru ha 34" di vantaggio sui sei che provano a raggiungerlo. Nei successivi tratti in discesa e pianura il distacco non diminuisce ed il sardo può alzare le braccia senza timore. Alle spalle del Cavaliere dei Quattro Mori si forma un gruppetto composto da Moscon, Ulissi, Nocentini e Caruso.