F1, Hamilton in pole e Ferrari in seconda fila

Lewis Hamilton su Mercedes partirà dalla pole position nel Gran Premio di Azerbaijan, a Baku. Terza la Ferrari di Kimi Raikkonen davanti all'altra Rossa di Sebastian Vettel. "La gara domani sarà lunga è difficile ma la prima posizione è la cosa migliore". Al termine di una qualifica emozionante, il campione inglese della Mercedes ferma il cronometro su uno straordinario 1.40.593 precedendo di quasi mezzo secondo il compagno di squadra Valtteri Bottas costretto alla resa all'ultimo giro utile. Vorrei soltanto ringraziare i fan arrivati dall'Inghilterra, sono contento di aver regalato loro una soddisfazione.

Valtteri Bottas appare invece un poco amareggiato, vista la sconfitta inflittagli dal compagno di squadra: "È deludente aver mancato la pole dopo averla assaporata".

Vettel ha fatto quello che ha potuto a seguito dei problemi occorsi nelle FP3, la Ferrari ha deciso di sostituire la power unit sulla SF70H di Vettel; si tratta del terzo propulsore stagionale per il tedesco. "Il secondo posto comunque non è male anche se rimane la delusione".

Il riferimento è alla Mercedes, ovviamente, ma in realtà oggi la variabile Hamilton è stata quella che ha impressionato di più. Se ce l'avessi no fatta sarebbe andata diversamente. Era meglio fare più giri, ma il ritmo ce l'avevo. "Si trattava infatti ancora di una prestazione che è parsa senz'altro buona ma non "lunare", come testimoniato dai tempi da chi era alle sue spalle: "Verstappen (+0" 561) e Raikkonen (+0" 651). Ci sono cose che non mi hanno aiutato ma non mi piace cercare scuse e dobbiamo prenderla in faccia. "Non mi farei prendere dal panico", ha aggiunto il leader del Mondiale.