Elezioni comunali, come fare se la tessera elettorale è smarrita o deteriorata

Elezioni comunali, come fare se la tessera elettorale è smarrita o deteriorata

Affluenza alle urne e risultati elezioni: I dati sull'affluenza degli elettori alle urne delle ore 12, 19 e 23 e sui risultati degli scrutini saranno consultabili in tempo reale sul portale Eligendo del Ministero dell'Interno e sul sito internet della Prefettura.

Tessera elettorale: Si ricorda che gli elettori, per poter esercitare il diritto di voto presso gli uffici elettorali di sezione nelle cui liste risultano iscritti, dovranno esibire, oltre ad un documento di riconoscimento valido, la tessera elettorale personale a carattere permanente.

Nel caso di esaurimento degli spazi riservati ai timbri di certificazione dell'avvenuta partecipazione al voto, è possibile richiedere all'Ufficio elettorale comunale l'emissione di una nuova tessera, presentando quella esaurita. Se la preferenza viene scritta senza tracciare alcuna croce, il voto è valido anche per la lista del candidato (o dei due candidati) e per il candidato sindaco collegato. Sono 21 i capoluoghi di Provincia interessati (Alessandria, Asti, Belluno, Como, Cuneo, Frosinone, Gorizia, La Spezia, Lecce, Lodi, Lucca, Monza, Oristano, Padova, Parma, Piacenza, Pistoia, Rieti, Verona, Taranto e Trapani) e 4 capoluoghi di regione (Palermo, Genova, Catanzaro e L'Aquila). Diciamo subito che, se non si vota per il primo turno e nel proprio Comune è previsto poi il ballottaggio, si può votare solo per il ballottaggio.

Per garantire ai cittadini la regolare emissione delle tessere l'Ufficio elettorale comunale, che ha sede in piazza Marconi 9, sarà aperto in orario straordinario, oltre al normale orario di apertura al pubblico, nelle giornate di venerdì 9 e sabato 10 giugno dalle ore 9 alle ore 18 e nella giornata di domenica 11 giugno dalle ore 7 alle ore 23 in coincidenza con gli orari di votazione ai seggi. Se si esprimono due preferenze occorre che siano scelti un uomo e una donna, per non vedere annullata la seconda preferenza. Il primo turno delle amministrative è fissato per domenica 11 giugno mentre l'eventuale ballottaggio si terrà due settimane dopo, domenica 25 giugno.

- Nei comuni con più di 15mila abitanti si può tracciare un segno solo sul candidato sindaco (in questo caso il voto viene attribuito solo al candidato sindaco). Una terza opzione è il voto disgiunto.

In tal caso il voto va al solo candidato Sindaco e non si estende automaticamente a nessuna lista. La stessa cosa per la carta d'identità: non deve essere scaduta.

Municipi - Per quanto riguarda i municipi la votazione per l'elezione dei Consiglieri è a turno unico.

Si può inoltre scrivere il cognome (o - in caso di ominimia - il cognome e nome e, ove occora, data e luogo di nascita) di un candidato al consiglio comunale, oppure di due candidati della stessa lista, purché di sesso diverso (altrimenti la seconda preferenza viene annullata).

I candidati alla carica di presidente vengono indicati, a scopo informativo, in calce alla scheda elettorale, ma ad essi non possono essere assegnate preferenze.