D-Day Genova, Bucci sindaco (55%). Centrodestra trionfa: 25 giugno Festa di Liberazione

D-Day Genova, Bucci sindaco (55%). Centrodestra trionfa: 25 giugno Festa di Liberazione

Un uomo senza capelli e con la barba è stato fotografato mentre fa il saluto romano dopo il dibattito tra i candidati che si sfidano per diventare sindaco di Genova e la polemica, nella città medaglia d'oro per la resistenza, divampa immediata.

PARMA - E' nettamente in testa il candidato sindaco uscente Federico Pizzarotti con il 59% sul candidato del centrosinistra Paolo Scarpa al 41%.

Che sia una burla oppure no, i Salesiani si sono prontamente dissociati: "In occasione della prossima giornata elettorale, nessuna associazione e nessun ente dipendente o collegato anche indirettamente all'istituto Don Bosco di Genova e ai Salesiani sono impegnati in operazioni connesse all'esercizio del voto", ha spiegato don Maurizio Verlezza, direttore dell'istituto.

"Puntiamo a un risultato storico perché a Genova si può vincere e sarebbe la prima volta in una città che è considerata una roccaforte della sinistra" ha detto Meloni - "e non mi stupirebbe perché chi ha votato a sinistra tutta la vita perché era vicino alle persone comuni ora vede un governo che ci mette un pomeriggio per trovare 20 miliardi per una banca e 8 mesi per consegnare una casetta per i terremotati". Bucci avrebbe totalizzato fra il 52 e il 56% delle preferenze.

Federico Sboarina (Centrodestra, primo turno 29,26%) - Stima: 49 - 53% Patrizia Bisinella (Fare + civiche, primo turno 23,54%) - Stima: 47 - 51%.

Determinanti saranno la partecipazione, al primo turno è stata del 48% e pare abbia penalizzato il centrosinistra, e dove andranno i circa 40 mila voti dei Cinque Stelle.

TARANTO - E' testa a testa tra il candidato del centrosinistra Rinaldo Melucci, al 49-53%, e la candidata sostenuta da liste civiche Stefania Baldassarri al 47-51%.

CATANZARO - E' in testa il candidato di centrodestra Sergio Abramo al 65% sul candidato di centrosinistra Vincenzo Antonio Ciconte al 35%.