"Codice criminale", al cinema il nuovo film con Fassbender

Nella verde campagna del Gloucestershire, in Gran Bretagna, da tre generazioni, l'irrequieta famiglia Cutler vive da fuorilegge, formando una comunità nomade e sgangherata, incapace di redenzione, guidata da Colby Cutler, patriarca duro, manipolatore, ignorante quanto orgoglioso. Chad, erede della grande famiglia allargata, vorrebbe smettere con questa vita sempre al limite e dare un futuro migliore ai suoi figli. Tuttavia - pur dando spazio all'azione con azzardate corse automobilistiche attraverso i campi e inseguimenti notturni nei boschi - l'esordiente Adam Smith non perde mai di vista l'intimistica centralità di una relazione padre/figlio fondata su una trasmissione di valori tanto moralmente discutibili quanto sentimentalmente indissolubili.

Adam Smith ci porta in sala una crime story sporca e grezza con Codice Criminale, film con protagonista Michael Fassbender nel ruolo dell'outsider maledetto Chad. Il suo primo film, diciamolo subito, raggiunge una sufficienza dignitosa, ma più grazie ad un cast di grandissimo livello, che ad una trama particolarmente profonda ed innovativa. Prima di tutto ci aspettavamo qualcosa di più dall'interprete principale che, sebbene risulti credibile, quasi scompare di fronte alla forza espressiva di Brendan Gleeson (il padre di Chad), perfetto nei panni di un uomo duro, che non si lascia fermare alla prima difficoltà e la cui intenzione è quella di portare avanti la 'tradizione' di famiglia.

Non che il ritmo narrativo sia un valido motivo per bocciare un film - cosa che comunque non stiamo facendo -, ma - trattandosi di una pellicola d'azione - non dovrebbe essere presente quell'appiattimento generale che invece la caratterizza. Insomma, possiamo dire che Codice criminale gode di un ottimo lavoro di scrittura, quello svolto dallo sceneggiatore Alastair Siddons. Il finale del film, poi, ha ancor meno senso, con una sorta di "vissero tutti felici e contenti" che, se possibile, stride ancor di più con il resto della narrazione e lascia letteralmente un senso di non senso nella mente dello spettatore. La storia e ben accompagnata dalle musiche del duo di musica elettronica Chemical Brothers.