Champions, Sergio Ramos: "Appuntamento con la storia"

Sia Juventus che Real Madrid si stanno esercitando pronti a tutte le evenienze, già nella finale di San Siro dello scorso anno a decidere la coppa furono i tiri dal dischetto, del resto anche in partita potrebbe capitare di dover calciare dagli undici metri e Sergio Ramos, uno degli specialisti delle merengues, ha le idee chiare. Il Real Madrid è alla caccia del suo storico 'doblete' dopo la vittoria della Liga.

La messa in scena del difensore spagnolo ha creato molte polemiche soprattutto tra i tifosi bianconeri, meravigliatisi nel vedere un campione di questo calibro adottare un simile atteggiamento. Rispettiamo tutti, in questo senso dico solo che ci vedremo domani alle nove meno un quarto.

Ai microfoni di 'BT Sport', l'ex difensore centrale del Manchester United ha parlato dell'episodio che ha portato all'espulsione di Juan Cuadrado.

Domanda a Sergio Ramos su come si stanno preparando. Dobbiamo pensare alla partita di domani come fosse unica: siamo motivati e abbiamo voglia di scrivere una nuova pagina di storia del Real Madrid. Chissà se il capitano del Real tornerà - in futuro - sull'accaduto. Ai compagni dico che siamo dei privilegiati a giocare un'altra finale contro una squdra fortissima. Affronteremo una rivale formidabile, ma per noi sarà l'occasione di dimostrare ancora una volta di essere una grande squadra. Terza Champions? Finalmente mi trovo in un ciclo molto fruttuoso. "Possiamo confermarci in cima al calcio europeo".

Opinione sulla stagione. "Lavoro da tempo con Zidane, siamo abituati alle finali". "Abbiamo giocato tante finali". Sappiamo alla perfezione che cosa dovremo fare in campo domani. "Spero davvero che resti con noi il più a lungo possibile, perché è una tessera fondamentale del mosaico". L'importante è dare tutto e uscire a testa alta, perché abbiamo tenuto alto l'onore di un club unico al mondo.