Capello si presenta al Jiangsu: "Scudetti Juventus? Vinti sul campo"

Capello si presenta al Jiangsu:

E l'ex c.t. di Russia e Inghilterra è tornato a parlare anche di Calciopoli e degli scudetti conquistati con la Juventus ma revocati. Insieme abbiamo vinto due campionati che poi ci l'hanno tolto, ma che noi abbiamo vinto sul campo. Parole che certamente non faranno piacere ai tifosi dell'Inter, club che lavora in sinergia proprio col Jiangsu Suning. E Suning è un gruppo mondiale importantissimo che vuole fare grandi cose per il calcio: ho detto sì per il progetto. Un gruppo di giovani e di esperti, è il giusto mix per guidare questa squadra al successo. "C'è una grande connessione con il calcio italiano, con l'Inter". Metterà a disposizione della difesa della nostra squadra tutto quello che ha imparato da me e dagli altri allenatori che ha avuto. Capello assicura di non essere a digiuno di calcio cinese: "Ho visto tante partite, e sono venuto qui quando qualcuno di voi non era ancora nato, parliamo del 1992, 1993, e del 1995".

L'allenatore italiano spiega anche il perché della sua scelta di vita e di carriera: "Vedo in Suning un gruppo molto forte, con un grande progetto. L'impressione, ogni volta, è di una nazione con sviluppo verticale". Con loro Franco Tancredi ("Abbiamo lavorato assieme tanti anni nella Roma, nel Real e nella Juventus), Giampiero Ventrone ("Da lui mi aspetto molto per quanto riguarda la condizione fisica")". Parole queste che non sono piaciute ai tanti supporters nerazzurri che hanno commentato in modo duro sul web.

Infine, ecco la sua promessa e speranza: "Dobbiamo riuscire a fare, sia con lo Jiangsu che con l'Inter, quello che Suning ha fatto in tutte le sue attività extra-calcistiche".