Brasile: il presidente Temer ufficialmente accusato di corruzione

Brasile: il presidente Temer ufficialmente accusato di corruzione

Il presidente brasiliano Michel Temer e' stato formalmente accusato di corruzione dalla procura generale della Repubblica, sulla base delle denunce fatte dall'imprenditore Joesley Batista. Nella richiesta alla Corte suprema, il procuratore generale Rodrigo Janot accusa Temer di aver ricevuto una mazzetta da 500mila reais, circa 150mila dollari, dal numero uno di un'azienda di distribuzione di carni coinvolta in uno scandalo di corruzione.

Da quando un mese e mezzo fa è uscita fuori la notizia, Temer ha più volte detto che non intende dimettersi in nessun caso; ma qui rischia che sia il Supremo Tribunale Federale ad estrometterlo dai suoi poteri. L'attuale presidente era succeduto, solo lo scorso anno, a Dilma Roussef rimossa per impeachment: Temer soffre di un grave impopolarità in Brasile e i partiti di opposizione hanno subito chiesto la sua incriminazione per impeachment e l'organizzazione quanto prima di nuove elezioni. Se questa arrivasse, Temer sarebbe sospeso dalle sue funzioni per un massimo di 180 giorni durante il processo.