Brasile 2014, l'ombra del doping sulla Russia di Capello

Brasile 2014, l'ombra del doping sulla Russia di Capello

Stanno ospitando la Confederations Cup, ospiteranno i prossimi Mondiali nel 2018.

Per il momento non ci sono ancora prove di colpevolezza, ma da sempre la Russia ha un rapporto non proprio chiarissimo con le sostanza proibite.

Secondo il Daily Mail, tutti i giocatori russi della spedizione in Brasile del 2014 sono sospettati di aver fatto uso di sostanze illecite. Sì, perché la nazionale russa che ha partecipato ai Mondiali brasiliani del 2014 è indagata dalla Fifa, il massimo organo del calcio mondiale. La selezione del Mondiale 2014 fu eliminata al primo turno con 2 punti in 3 gare e in panchina c'era Fabio Capello. I file sono arrivati alla FIFA grazie ad un report della Word Anti-Doping Agency (Wada), che parla di oltre 1000 atleti che avrebbero ricevuto "una manipolazione istituzionale dei controlli anti-doping in Russia". Nell'occhio del ciclone ora ci sarebbe anche la Nazionale di calcio.