Bansky, qualcuno ha rivelato per sbaglio la sua vera identità

Bansky, qualcuno ha rivelato per sbaglio la sua vera identità

E poi, anche lo stesso Del Naja, pur avendo negato in passato di essere lui lo street artist ha sempre ammesso di conoscere la sua identità: per forza, dirà qualcuno, è lui!

La gaffe non è passata inosservata e diversi media danno già per certo che l'identità dello street artist, tenuta nascosta per anni, è stata finalmente svelata. "Senza mancare di rispetto a Robert -, dice - credo sia un grande artista". Tutto è accaduto nel corso di un'intervista rilasciata dal produttore Goldie in un programma radiofonico inglese Disctraction Pieces. Insomma, per i molti che si domandavano chi si celasse dietro allo pseudonimo Bansky ora non vi sarebbero più dubbi. Era appassionato di graffiti come anche Goldie che, prima di dedicarsi all'elettronica, si muoveva nel mondo dell'arte di strada. Se c'è qualcosa che Bansky e i Massive Attack hanno in comune, è sicuramente una spiccata coscienza e consapevolezza sociale che li spinge a voler denunciare le ingiustizie che avvengono in un determinato luogo. Quel nome, Robert, sparato al posto di Banksy è un lapsus che diventa subito prova.

Banksy è Robert Del Naja dei Massive Attack: una clamorosa gaffe potrebbe aver rivelato il nome del writer ignoto tra i più celebri e discussi. Fino a due giorni fa si sapeva soltanto che Bansky era originario di Bristol, nel Regno Unito.

Dell'artista, di cui unica certezza è che sia nativo della città di Bristol, è emerso tuttavia un recente indizio, che fa ipotizzare possa trattarsi di Robert Del Naja, cantante e musicista cinquantaduenne del gruppo musicale Massive Attack, attivo dall'inizio degli anni Novanta. Ma chi fosse in realtà è sempre stato tenuto nascosto. "Sarebbe una storia bellissima, ma purtroppo non è vera - ha raccontato successivamente - Conosco bene Banksy, è stato anche ad alcune nostre esibizioni, ma è solo una questione di coincidenze e niente più".