Ballottaggio in Brianza: affluenza in calo. Alle 19 alle urne il 30.96%

Ballottaggio in Brianza: affluenza in calo. Alle 19 alle urne il 30.96%

La lunga notte dei ballottaggi per le elezioni comunali 2017 presenta tante incognite e una serie di duelli di grande rilevanza, anche per gli equilibri politici nazionali. Nei tre capoluoghi di regione l'affluenza è stata quasi analoga: 14,93% (19,35 al primo turno) a L'Aquila; 14,22% (16,10) a Genova; 14,08% (22,13) a Catanzaro. Sono chiamati al voto 101 comuni di regioni a statuto ordinario nonché 10 comuni delle Regioni a statuto speciale, per un numero complessivo di 4.304.739 di elettori, di cui 2.054.516 maschi e 2.250.223 femmine.

Il primo dato sull'affluenza di oggi è riferito alla percentuale di elettori che sono andati a votare dall'apertura dei seggi delle 7 fino alle 12.

Come sempre per votare è necessario presentarsi al seggio con la tessera elettorale ed un documento d'identità.

Sono i numeri del secondo turno delle elezioni amministrative e che vedrà la chiusura delle urne alle 23.

E il M5S? Dopo il "disastro" del primo turno, si consola strappando Carrara al centrosinistra (con Francesco De Pasquale) dopo 70 anni di governo "rosso" e avanzando nel Lazio, dove vince a Ardea e Guidonia. Un anno fa andarono al voto le più importanti città italiane: Roma, Milano, Napoli e Torino. Centrodestra e Fare si contenderanno il sindaco di Verona. A Parma la partecipazione al voto regge, con il 31% dei votanti rispetto al 36% del primo turno.

CATANZARO - E' in testa il candidato di centrodestra Sergio Abramo al 65% sul candidato di centrosinistra Vincenzo Antonio Ciconte al 35%. Alle 19, anche se i numeri definitivi si avranno solo alle 23, si è registrato un dieci per cento in meno di affluenza rispetto al primo turno di due settimane fa. L'ex Pizzarotti, intanto, correrà sostenuto da una lista civica per la riconferma a Parma contro Scarpa del centrosinistra.

TARANTO - E' in testa il candidato del centrosinistra Rinaldo Melucci al 51% sulla candidata Stefania Baldassarri, sostenuta da liste civiche al 49%.

Per il turno di ballottaggio il centrodestra incrocia le dita e conta di potersi affermare in una decina di capoluoghi di provincia su 22 (più Carrara) partendo con un vantaggio di 13 rispetto al centrosinistra che parte in vantaggio in soli 6.