Attentato di Manchester, altri 3 arresti Fermato anche il fratello del kamikaze

Attentato di Manchester, altri 3 arresti Fermato anche il fratello del kamikaze

Il Times ha rivelato che Salman Abedi era tornato da poco da un viaggio in Libia, paese di cui è originario il padre: "Era partito per la Libia tre settimane fa ed era tornato di recente, da qualche giorno", ha detto un suo amico al quotidiano britannico.

Le indagini vanno avanti in una Gran Bretagna blindata: 3.800 i militari dispiegati in tutto il Paese, mille solo a Londra.

Attentato Manchester: il blitz delle teste di cuoio nella casa di Abedi Il video amatoriale, ripreso dall'agenzia Ap, che riprende il blitz delle teste di cuoio inglesi nella casa di Salman Abedi, il sospetto attentatore suicida al concerto di Manchester. La madre, Samia Tabbal, 50 anni, e il padre, Ramadan Abedi, agente di sicurezza, sono nati in Libia e, una volta emigrati in Gran Bretagna, hanno vissuto prima a Londra, prima di trasferirsi nell'area di Fallowfield, a sud di Manchester (dove oggi la polizia ha arrestato una persona), dove vivevano da almeno 10 anni. Isis ha rivendicato l'attacco dicendo che "uno dei soldati del Califfato è riuscito a posizionare ordigni esplosivi in mezzo a un raggruppamento di crociati nella città britannica di Manchester". Manchester e, ancor di più, Birmingham sono centri urbani che accolgono folte comunità islamiche; al loro interno, possono annidarsi soggetti a rischio, che comunicano via Internet con perfidi manipolatori e con altre cellule terroristiche, in particolare franco-belghe, tesi confermata anche dal fatto che l'esplosivo usato da Salman Abedi è dello stesso tipo impiegato negli attacchi di Parigi e Bruxelles.

ROMA Si chiama Salman Abedi, classe 94, passaporto britannico in tasca. Già nella giornata di ieri sono state posizionate nuove barriere anticarro nei luoghi sensibili, aumentati il numero di agenti armati in piazze e stazioni e i controlli all'ingresso delle maggiori attrazioni turistiche. Il giovane era molto popolare sui social: il suo profilo Twitter era seguito da circa 10mila persone. Abedi, afferma la rete tv americana Nbc, era noto anche alle autorità statunitensi, e alcuni familiari avrebbero avvertito in passato le autorità britanniche che era diventato pericoloso.

La conferma sembra essere arrivata dopo l'arresto avvenuto martedì a Tripoli di Hashem Abedi, un altro fratello dell'attentatore, il quale ha ammesso di essere stato a conoscenza del progetto di attentato e di far parte delle milizie jihadiste dell'Isis: lo hanno reso noto fonti dei servizi di sicurezza libici.

Manchester, l'anziana ebrea e l'Imam pregano insieme per le vittime Lei è ebrea, lui musulmano e insieme pregano per le vittime di Manchester. Al momento sono quindi 5 le persone finite in manette nel corso delle indagini sull'attentato (MONUMENTI SPENTI PER LE VITTIME).

I sospetti sui complici.

Amber Rudd, ministro dell'interno, ha parlato con Sky News riguardo all'aumento del livello di minaccia, prima di un'altra riunione della riunione di Cobra di emergenza del governo di questa mattina. Ne dà notizia il Mail online.