Alta Velocità. Cadavere sui binari, traffico in tilt tra Roma e Napoli

Alta Velocità. Cadavere sui binari, traffico in tilt tra Roma e Napoli

Verso le 17 i passeggeri hanno ripreso il loro viaggio a bordo di un altro treno. Diverse persone hanno lamentato malori, soprattutto perché l'aria all'interno del treno si era surriscaldata visto che non funzionava neppure il sistema elettrico, oltre a quello di apertura delle porte. Per precauzione l'intervento delle forze di soccorso è stato tempestivo, con cinque ambulanze e due elicotteri dell'elisoccorso inviati sul posto, chiamati dai militari della compagnia di Anagni.

L'Alstom AGV di Nuovo Trasporto Viaggiatori (NTV), la società privata che gestisce in competizione con Trenitalia del Gruppo FS i collegamenti ad Alta Velocità in Italia, è rimasto fermo sotto il sole e senza l'impianto di climatizzazione per più di 6 ore. Anche un neonato di circa venti giorni è stato trasportato, ma solamente a scopo precauzionale, presso l'Ospedale di Anagni.

Inferno nel treno Italo bloccato sui binari dell'alta velocità nel tratto compreso tra Morolo e Anagni. Solo ieri è stata un'altra giornata difficile per i viaggiatori, con un treno Italo che si è fermato nelle campagne ciociare per un principio incendio.