AFRAGOLA. Sei agenti di polizia feriti dai residenti. Volevano impedire un arresto

Teatro di questo spiacevole episodio è stato il quartiere "Speranza" di Afragola. Sei i poliziotti finiti al pronto soccorso, perché sono stati picchiati, strattonati, presi a sputi in faccia, aggrediti da un'orda di donne "armate" di tacchi a spillo, ed infine colpiti da bottiglie, vasi di terracotta e tutti gli oggetti contundenti che questi facinorosi balordi sono riusciti a procurarsi, per liberare Mariano Truppo, 32 anni, del posto, una "vecchia conoscenza" delle forze dell'ordine, fermato dai poliziotti qualche minuto prima, dove un lungo inseguimento a piedi.

Dopo aver trasportato il trentaduenne nel commissariato di competenza, sei agenti. rimasti feriti nell' agguato a loro danno, si sono affidati alle cure del nosocomio di San Giovanni di Dio a Frattamaggiore; dimessi poco dopo, i medici gli hanno sottoscritto una prognosi tra i cinque e i dieci giorni.

La polizia arresta un rapinatore di scooter, che aveva anche tentato il cavallo di ritorno, e un intero quartiere inscena una violenta rivolta, aggredendo gli agenti. All'appuntamento concordato per la consegna del cosiddetto "cavallo di ritorno", si sono presentati i poliziotti in borghese, che il malvivente ha riconosciuto dandosi subito alla fuga in direzione del Rione Speranza. Mariano Truppo, accusato di rapina, tentata estorsione, resistenze e lesioni a pubblico ufficiale è stato portato nel carcere di Poggioreale. Poco dopo la vittima, chiamando sul suo cellulare ha contattato Tuppo il quale gli ha chiesto 740 Euro per riavere il motociclo da poco rapinato.

L'aggressione è iniziata quando l'arrestato, dopo essere stato bloccato dai poliziotti, ha iniziato a gridare scatenando la rivolta.