Zinedine Zidane: "Juve-Real in finale? Sono ancora juventino nel cuore"

Zinedine Zidane:

In particolare, l'Atletico Madrid dovrebbe scendere in campo, per quel che riguarda la probabile formazione, con Oblak, Savic, Juanfran, Filipe Luis, Godin, Gabi, Carrasco, Saul, Koke, Torres e Griezmann. Simeone inserisce forze fresche richiamando in panchina Gimenez e Torres, e inserendo Thomas e Gameiro. Dall'altra parte, Navas lo emula sul tentativo di Ferreira Carrasco. E' un Atletico solo lontano parente della squadra scialba e impaurita vista al Bernabeu sette giorni fa. Sugli sviluppi di un calcio d'angolo, Saúl Ñíguez svetta più in alto di tutti e di testa insacca: per il centrocampista è il quarto gol in questa edizione del torneo. Il Real appare in bambola e Simeone dalla panchina 'arringa' il Calderon.

Trovato il 2-0 però, i padroni di casa hanno abbassato il ritmo e il Real ne ha approfittato per prendere a poco a poco in mano le redini del gioco. Al 42' la rete che vale la qualificazione al Real: numero di Benzema sulla fascia sinistra, il francese passa indietro a Kroos che va al tiro, Oblak respinge ma non trattiene, facile la conclusione ravvicinata di Isco.

Nella ripresa la squadra di Zidane gioca con maggiore serenità, l'Atletico non pare avere la stessa convinzione dei primi 45'. Vediamo. Se siamo i favoriti?

Con 5 reti al Bayern Monaco ai quarti di finale, e la tripletta all'Atletico Madrid nella semifinale d'andata, Cristiano Ronaldo si è reso protagonista assoluto della manifestazione, raggiungendo le 10 marcature in Champions, appena una in meno dell'attuale capocannoniere Messi. Il Real si difende con ordine e concede un'occasione a Griezmann solo in pieno recupero. Continua la fase ad eliminazione diretta della UEFA Champions League: Atetico Madrid-Real Madrid, incontro valido per il ritorno delle semifinali, rappresenta una grande prova d'orgoglio per la squadra di casa, impegnata a far dimenticare ai propri tifosi la pesante sconfitta rimediata all'andata.