Terremoto, il premier canadese Trudeau visita Amatrice

Terremoto, il premier canadese Trudeau visita Amatrice

Il sindaco Sergio Pirozzi nel ringraziare il Canada auspica che il Paese nordamericano possa sostenere la costruzione della casa comunale: "Ringrazio la grande solidarietà del popolo canadese - ha dichiarato Pirozzi - La presenza del premier Trudeau oggi qui ad Amatrice è un grande regalo per la mia comunità". Insieme al ministro degli Esteri Alfano, al capo della Protezione civile Fabrizio Curcio e al presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti il premier canadese è entrato a piedi nella zona rossa.

Amatrice riceverà da Trudeau una donazione in sostegno ai progetti per la ricostruzione del centro della provincia di Rieti.

Trudeau, giunto ad Amatrice assieme anche alla moglie Sophie, ha visitato il Memoriale, l'area food dove ha mangiato la pasta all'amatriciana e i prodotti locali, il centro operativo e l'area dove è situato provvisoriamente il Comune.

Camminando tra le macerie, il primo ministro canadese si è commosso una prima volta, mentre ascoltava la cronaca di quella terribile notte del 24 agosto. "Questo è un grande messaggio di solidarietà che varca i confini territoriali". Si è fermato a lungo di fronte al monumento prima di abbracciare il sindaco di Amatrice Sergio Pirozzi.

Hanno visitato la zona rossa e pranzato con amatriciana bianca e rossa alla mensa che accoglie soccorritori, sfollati e volontari. A raccontarlo è la stessa commerciante: "L'altro ieri è entrata la segretaria di Trudeau nel negozio e io ero convinta che volesse fare degli acquisti, così le ho mostrato tutti i tessuti".