Salute. Vaccinazioni, obbligo per chi si iscrive a scuola

Salute. Vaccinazioni, obbligo per chi si iscrive a scuola

"Sanzioni che venivano scarsamente applicate".

Il Consiglio dei ministri ha approvato un decreto legge sulla obbligatorieta' delle vaccinazioni per l'iscrizione a scuola. Ma qual è il motivo del contrasto tra la Fedeli e la Lorenzin? Imporre l'obbligo su alcuni vaccini potrebbe comportare il rifiuto da parte dei genitori di altri vaccini classificati solo come raccomandati (anche se sono a tutti gli effetti salvavita). Facciamo il punto della situazione analizzando le ultime novità in merito al nuovo decreto sulle vaccinazioni obbligatorie. Anche loro, e soprattutto loro, hanno diritto di andare a scuola.

A tarda sera il governo ancora non trova una mediazione su un tema esplosivo come i vaccini: non si sa ancora se sarà un decreto o una modifica del Dpr 355 del 26 gennaio 1999 per rendere obbligatorie le vaccinazioni.

Ecco perché il Ministero della Salute ha scelto di correre ai ripari, proponendo un decreto legge che introduca l'obbligo delle vaccinazioni per frequentare le scuole. "E il controllo avviene ogni anno, non una tantum", ha aggiunto. Se non si è in regola con le vaccinazioni o si è in lista di attesa, la scuola deve riferirlo all'Asl, che si incaricherà di chiamare la famiglia, intimando la vaccinazione entro un determinato numero di giorni.

Il Decreto non prevede alcun obbligo per gli insegnanti, poiché tra l'altro questo sarebbe in contrasto con il diritto al lavoro garantito costituzionalmente.

"Alla ripresa della discussione sulla legge regionale sull'obbligo vaccinale a nome del Fromt suggerisco di inserire nell'emanando testo la disposizione dell'obbligo vaccinale (in base a una valutazione caso per caso) per tutti i professionisti sanitari impegnati sia nel servizio pubblico che nel privato e al personale delle scuole dell'obbligo". Dal Nazareno filtra la preoccupazione che senza un provvedimento in autunno l'emergenza potrebbe diventare ben più grave e magari fare le prime vittime.

"Vogliamo aumentare la copertura vaccinale in tutto l'arco della vita del ragazzo - spiega la Lorenzin - Nel percorso scolastico si interviene per verificare che la copertura sia avvenuta e laddove non lo sia stato per mettere in campo una serie di misure che siano piuttosto stringenti nei confronti della famiglia e mettano in sicurezza la comunità scolastica". I vaccini obbligatori saliranno da quattro a dodici.

Per poter essere iscritti a scuola, i bambini da 0 a 6 anni dovranno essere sottoposti ai 12 vaccini che ora vengono resi obbligatori.

Non si placa lo scontro nel Governo fra il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin e la collega dell'Istruzione Valeria Fedeli. Per lunghe settimane sono stati ricoverati nel reparto di Rianimazione pediatrica del policlicnico, e grazie ai medici oggi sono fuori pericolo.