Rosato, escludo crisi da parte Mdp

Rosato, escludo crisi da parte Mdp

Per Francesco Laforgia, capogruppo di Mpd alla Camera, "la misura è colma".

Ed è stata proprio questa la mossa che ha fatto andare su tutte le furie gli ex democratici, secondo cui, in questo modo, i voucher appena abrogati "rientrerebbero dalla finestra". Limitatamente a piccole imprese e famiglie, assicurano i dem: "Anche la sentenza della Corte che ha ammesso il referendum sul lavoro occasionale - ha spiegato il capogruppo Rosato a Montecitorio - ha detto che c'era bisogno di una norma". In realtà, al di là della efficacia o sensatezza dei voucher stessi, più passano i giorni più si avvicina l'incidente parlamentare destinato a far mancare il terreno sotto i piedi al povero Gentiloni e al suo governo.

"Leggo ricostruzioni assurde sul PD che vuole utilizzare la questione voucher per mettere in difficoltà Gentiloni". Che ci hanno messo il tempo di qualche giro di lancetta sull'orologio per tirare a palle incatenate non solo sul Nazareno, ma anche su Palazzo Chigi. "Non si tratta certo della reintroduzione dei voucher che il governo aveva abrogato". Va da sé che una simile presa di posizione non poteva che acuire le antiche ruggini con i bersaniani di Articolo 1-Mdp. E il ministro Anna Finocchiaro aveva sottolineato: "Non esiste nessuna tensione tra il governo e il Partito Democratico", "la proposta di emendamento che sarà presentata in Commissione rispecchierà totalmente la volontà dell'esecutivo in materia di regolazione del lavoro occasionale". "E' diverso - si specifica - lo strumento, è del tutto diversa la platea". L'annuncio di Rosato, ha commentato Arturo Scotto dei democratici-progressisti, "significa che il Pd ha deciso di far cadere il governo". D'altronde, era ancora martedì scorso, che la Cgil aveva approvato un ordine del giorno preannunciando che "porrà in atto una ferma e coerente azione di contrasto, facendo sin da subito appello al presidente della Repubblica affinché intervenga, facendosi garante del rispetto della Costituzione e del diritto di voto da parte dei cittadini".