Rallenta l'inflazione a maggio

Rallenta l'inflazione a maggio

(Teleborsa) - Rallenta l'inflazione in Italia. E' la stima preliminare dell'Istat. Si tratta di un rallentamento dovuto soprattutto all'andamento dei prezzi di alcuni prodotti, per i quali la crescita rallenta anche se rimane sostenuta: è il caso, spiega l'Istat, dei prodotti Energetici non regolamentati (+6,8%, da +9,1% di aprile), dei Servizi relativi ai trasporti (+3,2%, da +5,5%) e degli Alimentari non lavorati (+3,7%, da +4,7%).

La diminuzione su base mensile dell'indice generale è dovuta principalmente ai ribassi dei prezzi dei Servizi relativi ai trasporti (-2,2%), che risentono dell'effetto di fattori stagionali di segno opposto a quelli che ne avevano determinato la forte crescita ad aprile (festività pasquali e festa della Liberazione). "In ogni caso, il rialzo dei prezzi pari a 1,4%, per una coppia con due figli, la classica famiglia italiana, significa avere una maggior spesa annua di 532 euro, 121 euro per il solo carrello della spesa, ossia per la spesa di tutti i giorni" dice Massimiliano Dona, presidente dell'Unione Nazionale Consumatori.

L'inflazione acquisita per il 2017 è pari all'1,2%.

Frenata dell'inflazione europea, che a maggio scende all'1,4% in media nella zona euro dall'1,9% di aprile, segnale Eurostat in base ai primi dati provvisori.

I prezzi dei beni alimentari, per la cura della casa e della persona salgono, dunque, dello 0,1% su base mensile e dell'1,6% su base annua (era +1,8% ad aprile). A maggio registra un aumento dello 0,1% su aprile e dell'1,6% su base annua (era +1,8% ad aprile), quindi un po' di più del dato generale.

I prezzi dei prodotti ad alta frequenza di acquisto aumentano dello 0,1% in termini congiunturali e dell'1,8% su base annua, in attenuazione da +2,2% del mese precedente. L'inflazione acquisita per il 2017 per il carrello della spesa è dell'1,8%. Secondo le stime preliminari, l'indice Ipca diminuisce dello 0,2% mensile e sale dell'1,5% annuo (da +2% di aprile).