Ragland regola Venezia, è 2-1 Avellino

Ragland regola Venezia, è 2-1 Avellino

Venezia: Haynes e McGee 19, Ejim 9. "L'impatto di Batista è stato positivo, soprattutto in attacco" osservato il coach della Reyer, "dove ci ha permesso di aprire ulteriormente il campo". Al ritorno in campo è Fesenko ad andare a segno con la schiacciata.

A dispetto di quanto possa suggerire l'utilizzo dei due big man, il primo quarto è stato all'insegna di una intensità folle, con enytane le squadre che non hanno avuto un attimo di tregua per tutti i primi dieci minuti. I biancoverdi s'impongono sulla Reyer Venezia con il punteggio finale di 96-83 davanti ad un PaladelMauro gremito. Nelle file Reyer si salvano solo Haynes e McGee, autori di 19 punti ciascuno. Joe Ragland, infatti, torna negli spogliatoi per via di un fastidio alla caviglia sinistra.

DIRETTA AVELLINO-VENEZIA: INFO STREAMING VIDEO E TV SU RAIPLAY.IT, RISULTATO LIVE (OGGI GARA 3 SEMIFINALI BASKET A1) -Avellino-Venezia si gioca oggi alle ore 20.45 al Pala Sport Del Mauro e la partita è valida come gara 3 delle semifinali del tabellone play off del campionato 2016-2017 della Lega A di basket.

2° Quarto: Parte forte Venezia con la tripla di Filloy e il gioco da 3 punti di McGee (20-28). Troppo poco per bilanciare i 33 punti di Ragland e i 21 di Logan. Thomas sale di giri tenendo avanti i suoi nonostante il neoentrato Mcgee regala il sorpasso frutto di un gioco da tre punti al termine della prima frazione (20-22). Avellino si scuote con Logan da dentro l'area, Thomas dalla linea della carità e Green con una tripla (41-30). Sacripanti, però, cambia lo starting five preferendo inserire sin da subito Fesenko e il pivot ucraino risponde presente innescando il break di 6-0 che permette alla Sidigas il primo allungo (10-4 al 4').

Avellino parte con lo spirito giusto, sfruttando i piedi veloci di Rangland e Logan, che trovano a più riprese il fondocampo con le loro penetrazioni, mentre Tonut converte i rimbalzi offensivi, tenendo a contatto l'Umana sul 4-4.

Nel finale di quarto però la scena se la prende senza ombra di dubbio David Logan. Avellino segna con Thomas e Randolph, ma la solita coppia Ejim- Peric mette il punto sul match. In campo c'è una sola squadra: Logan (12 punti in questo quarto) gonfia ancora la retina veneta dai 6.75 metri con la forbice che si allarga sul + 15 (63-48 al 27′).