Prime pagine 15 maggio 2017: che impresa la Roma di Spalletti

Prime pagine 15 maggio 2017: che impresa la Roma di Spalletti

El Shaarawy, Perotti e Salah garantivano una qualità offensiva non da poco, riuscendo a sopperire all'assenza delle marcature del bosniaco. Sostanzialmente la partita vive di molte occasioni sia da parte della Juve che della Roma, con due squadre desiderose di prevalere l'una sull'altra ma senza la tensione del risultato ad ogni costo. Ribaltando completamente i pronostici della vigilia, la Roma schianta i bianconeri. La parola scudetto rimane un tabù, anche perchè la classifica parla ormai chiaro e solo un catastrofico finale di campionato per i bianconeri potrebbe riaccendere la lotta per il titolo: 'Questa Juve - ha proseguito Spalletti in conferenza stampa - è stata programmata per ritrovarsi a questo punto della stagione, in semifinale di Champions, in finale con la Lazio per la Coppa Italia, e prima in campionato, quindi è difficile che butti via tutto'. Al 21' poi la prima svolta del match: Sturaro apre in profondità per Higuain, che anziché tirare sforna un assit al bacio per Lemina, bravo col piatto a battere sotto misura Szczesny per il vantaggio della Juve. Ammoniti: Fazio, De Rossi, Paredes, Benatia, Higuain.

NAINGGOLAN - "Ci sono dei giocatori che hanno quest'animaletto dentro che si chiama tigna e che la Juve ha, ma che ad alcuni dei nostri manca".

"Abbiamo vinto una partita importantissima dove abbiamo giocato contro una delle migliori squadre al mondo che abbiamo in Italia, speriamo di fare ancora meglio".

Ma il capitano non toccherà palla: Spalletti verrà criticato per avergli fatto giocare solo 2 minuti?

Ha alzato i ritmi nei primi 20′ della ripresa, e complice anche il rilassamento della capolista, ha chiuso i conti, trovando prima il colpo da biliardo di El Shaarawy e poi la perla di Nainggolan, il più forte centrocampista del Campionato, all'ennesimo centro nelle sfide che contano. Ultimamente abbiamo concesso qualcosina a livello difensivo, ma nell'arco di una stagione intera questi momenti arrivano. Delirio Roma, Giallorossi in vantaggio. Al 91' Emerson Palmieri ha anche sui piedi il pallone del possibile poker, ma la sua conclusione si perde altissima.