Nubifragio a Milano, esonda il Seveso: automobilisti nel panico

Nubifragio a Milano, esonda il Seveso: automobilisti nel panico

Le segnalazioni, secondo quanto hanno riferito, sono arrivate "soprattutto in Brianza e nel Nord-Ovest di Milano".

È stata una notte difficile a Milano dove all'improvviso è esondato il fiume Seveso a causa di un violento nubifragio che si è abbattuto ieri sera sulla provincia. Ieri notte poco prima di mezzanotte l'acqua del Seveso ha invaso la parte della città che ne ospita il suo corso intubato, la zona nord (in particolare il quartiere Niguarda, in via Valfurva). Alcune auto sono rimaste intrappolate sotto i sottopassi di viale Suzzani.

Aperti i chiusini dai tecnici di Mm e dell'Amsa. A soccorrerli sono arrivati i vigili del fuoco e gli agenti della polstrada.

Il Lambro nel tratto cittadino di Monza ha superato i livelli di guardia e le prime barriere. A decine gli interventi dei vigili del fuoco.

In queste ore si sta lavorando per risolvere i problemi causati dal maltempo alla circolazione, alle infrastrutture e alle abitazioni.

Centralini dei vigili del fuoco presi d'assalto: gli interventi più comuni sono stati per allagamenti di scantinati, balconi e tetti pericolanti, cedimenti di ponteggi e alberi caduti. In un caso, quello del sottopasso di Lissone (MB) completamente allagato, in cui due vetture sono rimaste bloccate, in via precauzionale e' stato impiegato anche il nucleo SAS sommozzatori fluviali.

Lombardia - Sul resto della Lombardia, la Regione ha chiesto ai singoli comuni di attivare azioni di monitoraggio contro questi rischi: colate di detrito o di fango, fenomeni di erosione e cadute massi, locali innalzamenti dei livelli idrici, con effetti localizzati legati a instabilità di versante.