Musinf: i fotografi senigalliesi che raccontanto la Biennale di Venezia 2017

Musinf: i fotografi senigalliesi che raccontanto la Biennale di Venezia 2017

"Sono contrario al ticket a pagamento per Venezia, ma le città d'arte come questa hanno bisogno di un regolatore delle presenze, soprattutto nelle zone più affollate come San Marco".

Nei sei mesi di durata della Biennale di Venezia 2017 sono previste, come di consueto, le manifestazioni inerenti agli altri settori della mostra: il Festival Internazionale di Danza Contemporanea a giugno, il Festival Internazionale del Teatro tra luglio e agosto, la Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica tra la fine di agosto e i primi di settembre e il Festival Internazionale di Musica Contemporanea in programma per ottobre. Il presidente della Biennale, Paolo Baratta, ha voluto presentare così, nella conferenza stampa ufficiale davanti a giornalisti di tutto il mondo, la 57esima edizione della Biennale d'arte di Venezia, di cui è in corso la quattro giorni di preview.

Il Padiglione Italia alle Tese delle Vergini in Arsenale è curato quest'anno da Cecilia Alemani.

Ha preso il via, ai Giardini e all'Arsenale, la cinquantasettesima esposizione Internazionale d'Arte di Venezia dal titolo VIVA ARTE VIVA, curata da Christine Macel.

Lungo il percorso sarà possibile ammirare l'opera di 120 artisti partecipanti, provenienti da 51 paesi, 3 di questi saranno presenti per la prima volta, Si tratta di Antigua e Barbuda, Kiribati, Nigeria. Essa è il luogo per eccellenza della riflessione, dell'espressione individuale e della libertà, così come degli interrogativi fondamentali. Più che mai, il ruolo, la voce e la responsabilità dell'artista appaiono dunque cruciali nell'insieme dei dibattiti contemporanei. L'arte - ha continuato la curatrice - ci costruisce ed edifica. Il padiglione, intitolato "Display - between art and arts & crafts", è realizzato dalla Biennale di Venezia, advisor Bice Curiger, e curato da Jorge Pardo, artista e scultore cubano-americano il cui lavoro fonde arte e design. Mentre nel 2016 fu dedicato a un tema specifico, quest'anno il Padiglione è parte integrante dell'Esposizione Internazionale: l'artista Marie Voignier presenta due opere video che consentono un dialogo esclusivo e diretto dell'artista con i visitatori. Con la direzione artistica di Marotta & Russo, quindi promuove e sostiene artisti e designer, già affermati o emergenti, nonché tutte quelle aziende che desiderano cimentarsi in modo professionale nella forma espressiva rappresentata dalla tecnologia del neon. Saranno impegnati in riprese fotografiche ed interviste con vari grandi artisti presenti alla Biennale.