MotoGP, Marquez: "Il campionato sarà molto combattuto. Siamo tutti vicini"

MotoGP, Marquez:

Un motivo sufficiente per convincere il campione del mondo in carica a restare molto cauto con i pronostici: "Le Mans è particolare, diversa da molti altri tracciati del calendario - ammette - Si tratta di una pista molto stretta e corta, con parecchie staccate violente e curve lente".

Tanta euforia in casa Honda verso il GP di Francia, in programma a Le Mans domenica 21 maggio. Dani ha trionfato quattro volte, nel 2003 in 125, nel 2004 e 2005 in 250 e nel 2013 in MotoGP, con altri tre podi e ben sei pole. "Per fare un esempio, è l'opposto del circuito di Montmelo, ma è abbastanza divertente". L'aderenza dovrebbe essere migliore e questo è positivo per noi piloti e anche per i tifosi, perché potrebbe esserci così uno spettacolo migliore. Dobbiamo aspettare e vedere come si va - ha proseguito Marc Marquez -, quest'anno è ancora più difficile fare previsioni. Da parte nostra, dobbiamo continuare sul solco di quanto fatto nelle ultime gare, lavorando sodo e con la mentalità giusta.

Dani Pedrosa (4° in campionato, 52 punti, -10): "Dopo il grande fine settimana di Jerez, ora testa a Le Mans, con uno stato d'animo molto positivo. La squadra sta lavorando bene e vogliamo mantenerci allo stesso livello anche qui". Il GP francese è sempre impegnativo, il meteo è spesso variabile e non aiuta a trovare il ritmo nelle prove e a pianificare la corsa. Qui bisogna avere una buona accelerazione e una buona frenata, ma la consistenza è la chiave decisiva. La pista in sé è molto breve e le differenze più piccole nei tempi sul giro possono fare una grande differenza nella classifica. L'asfalto è nuovo e ne scopriremo le condizioni solo venerdì mattina.