"Money Gate", si indaga su Catanzaro-Avellino del 2013

É Catanzaro-Avellino del 5 maggio 2013, che valse agli irpini la promozione in serie B con una giornata di anticipo, la partita di Lega Pro finita nell'inchiesta "Money gate" sul riciclaggio di ingenti somme di denaro che stamani ha portato all'arresto del presidente del Catanzaro calcio Giuseppe Cosentino. Indagando su Cosentino, sospettato di trasferire capitali della sua società di import-export Gicos all'estero, i finanzieri del Comando provinciale di Reggio Calabria si sono imbattuti nel presunto tentativo di combine.

Avellino di nuovo nella bufera?

Accusa di frode sportiva: ancora una volta l' Avellino calcio (Walter Taccone ed Enzo de Vito), deve prepararsi a difendersi dalle accuse di frode sportiva nell' inchiesta 'money-gate' per la quale sono già scattati gli arresti domiciliari per Giuseppe Cosentino, presidente del Catanzaro calcio. L'obiettivo del Catanzaro sarebbe stato quello di non perdere la gara, disputatasi il 5 maggio del 2013, per evitare i play out.