Lo spettacolare "benvenuto" di Greenpeace a Donald Trump in Vaticano

Lo spettacolare

Gli ambientalisti hanno quindi spiegato successivamente di aver in qualche modo risposto al motto pronunciato da Trump "America First".

Stanotte sulla cupola di San Pietro è stata proiettata una grande scritta: "Planet Earth First". Tuttavia ieri, degli attivisti di Greenpeace, hanno espresso il loro disaccordo verso il Presidente americano Questa mattina presto il corteo presidenziale di Donald Trump ha lasciato Villa Taverna, residenza dell'ambasciatore americano a Roma, dove lui e la moglie Melania hanno trascorso la notte, per recarsi in Vaticano.

Il colloquio tra il Presidente Trump e Papa Bergoglio è durato circa mezz'ora, al termine del quale il santo Padre ha ricevuto la delegazione presidenziale, composta anche dalla figlia del Tycoon, Ivanka e da suo marito Jared Kushner.

Quel messaggio proiettato ieri sera quindi non era pericoloso, ma in qualche modo rinnovava a Trump le sue responsabilità e la sua priorità.

L'obiettivo dell'azione sono le recenti decisione di Trump che hanno abolito numerose misure per la protezione del clima. Gli Usa sono così diventati il secondo emettitore di gas serra al mondo, superati solo negli ultimi anni dalla Cina, secondo Greenpeace.

Trump infatti ha il potere di fermare la transizione verso le fonti di energia pulita, quando invece dovrebbe accelerarla e favorirla. Curioso che l'incontro fosse proprio con papa Francesco, che lo scorso 18 giugno 2015 firmava la prima enciclica sull'ambiente, definendo "una priorità" la battaglia al cambiamento climatico, insistendo sul fatto che "i combustibili fossili, altamente inquinanti - specialmente il carbone, ma anche il petrolio e, a un livello minore, il gas - devono essere sostituiti gradualmente e senza ritardi". ("Prima il pianeta Terra!"), l'autore e mittente della scritta destinata al presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, è l'organizzazione non governativa Greenpeace. Solo in un secondo momento sono avvenute le identificazioni mentre, stando alla Questura di Roma, le persone fermate sarebbero otto. In attesa del G7, che si aprirà giovedì a Taormina, Greenpeace richiede una presa di posizione chiara di tutti gli Stati in modo da dare piena attuazione all'Accordo di Parigi. Alcuni attivisti a bordo di un mezzo sono arrivati su via della Conciliazione, all'altezza di via della Traspontina, e da lì hanno proiettato sulla cupola di San Pietro il messaggio "Planet Earth First".