Legittima difesa? Sì, ma solamente di notte

Legittima difesa? Sì, ma solamente di notte

Nel testo viene specificato che si considera legittima difesa la reazione a un'aggressione in casa, in negozio o in ufficio commessa di notte o all'introduzione con violenza, minaccia o inganno. Già oggi si presume che vi sia proporzione se la difesa anche con armi riguarda un'aggressione domiciliare che mette in pericolo la propria o l'altrui incolumità oppure se si difende il proprio patrimonio. Inoltre, il disegno di legge prevede l'esclusione della colpa di chi reagisce con le armi solamente "in situazioni di pericolo attuale per la vita, per l'integrità fisica, per la libertà personale o sessuale" e se esiste "grave turbamento psichico" della vittima.

"Assistenza legale a carico dello Stato": nel caso in cui sia dichiarata la non punibilità per legittima difesa, tutte le spese processuali e i compensi degli avvocati saranno a carico dello Stato. Un onere per l'erario stimato in 295.200 euro a decorrere dal 2017. Nata come proposta della Lega che del tema ha fatto bandiera e puntava a prevedere praticamente sempre la presunzione di legittima difesa, con la conseguenza di non aprire nemmeno le indagini, la pdl è stata trasformata radicalmente dal Pd. "Per questo voteremo 'no' a questa legge ipocrita, imbrogliona, che dice tutto e il contrario di tutto, scritta male", ha detto Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera. Bagarre in Aula prima e subito dopo il voto. "Il dibattito sulla legittima difesa - aggiungono i 5Stelle - è stato puramente basato sulla propaganda elettorale dimenticando la realtà, per questo motivo abbiamo votato contro". Con l'emendamento concordato nella maggioranza anche in Italia accadrà sostanzialmente lo stesso", spiega Costa, che esclude il rischio di un Far West: "La nuova legge non eliminerà il vaglio dei fatti da parte di un giudice.

Legittima difesa sì, legittima difesa no.

Legittima difesa, la Camera dei Deputati verso l'approvazione: ecco cosa cambia in caso di rapine notturne in casa. Legisti scatenati contro un ddl ritenuto assolutamente insufficiente per tutelare le vittime di furti o rapine in casa: "La difesa è sempre legittima", di notte e di giorno, dicevano gli striscioni innalzati dai banchi di Lega e Fdi mente Matteo Salvini che urlava " vergogna" dalle tribune è stato accompagnato fuori dai commessi.

Tuttavia il testo finale non è certo adeguato al bisogno di degli italiani e a ciò che tutti gli italiani si attendono. La sicurezza e la giustizia devono essere in primis assicurati dallo Stato.

"Forza Italia ha fatto il possibile per migliorarlo - ha affermato Silvio Berlusconi in una nota -".