La strage Isis a Manchester, 22 morti e 120 feriti

La strage Isis a Manchester, 22 morti e 120 feriti

Diciannove morti confermati, e almeno 60 feriti. La polizia ha identificato l'attentatore. Abedi aveva 22 anni, era cittadino britannico di origini libiche, studente all'Università di Salford. "Si è servito di un ordigno rudimentale ed è morto detonando la bomba".

Non risultano italiani coinvolti nell'attentato. Secondo la testimonianza di un amico di famiglia raccolta dal Guardian, il padre di Salman, dopo aver fatto la guardia giurata a Londra, si era trasferito a Manchester da 10 anni.

Il livello di allerta in Gran Bretagna è stato elevato al massimo dopo l'attentato di Manchester. "Seminare la morte in un concerto, tra giovanissimi". È stato un attacco kamikaze, ma sono ancora in corso le indagini. E nel frattempo l'ISIS ha rivendicato il tragico attentato.

La premier Theresa May ha subito parlato di un orribile attentato, decidendo di sospendere la campagna elettorale per le elezioni generali del prossimo 8 giugno e convocando per questa mattina il comitato di sicurezza d'emergenza Cobra.

E si fa sempre più strada l'ipotesi che il giovane non abbia agito da solo, come confermato dallo stesso ministro Rudd: "Sembra probabile che non abbia fatto tutto da solo", sono le sue parole, pronunciate con la massima cautela. La notizia è rimbalzata anche in un sito molto attendibile dedicata ad Ariana Grande, ovvero Ariana Updates, il quale ha affermato che sarebbe volontà della cantante quello di pagare tutte le spese dei funerali.

Ariana Grande mette in pausa la parte europea del "Dangerous Woman Tour". L'intera città di Manchester si è mossa per la solidarietà: da diverse ore cresce il numero dei bambini che da ieri notte è ospite dell'Holiday Inn Manchester in attesa di ritrovare i propri genitori. Secondo i media britannici, era già noto alle autorità. Erano le 22:30 circa. "È anche la prima volta dall'attacco dell'aeroporto di Glasgow nel 2007 che esplosivi sono stati detonati" nota Dejevsky.

La tensione resta alta e il timore è che non si tratti di un atto isolato: "E' stato evacuato il centro commerciale più grande della città - commenta Sergio - dicono per una prova antincendio, ma chiaramente l'allerta è altissima e i controlli si sono intensificati". Per lei e per tutti ieri sera Manchester si è unita in una veglia di preghiera mentre molte aree intorno all'Arena sono ancora chiuse, incluso la fermata della metropolitana da cui sarebbe arrivato il killer, un nostro "soldato", lo ha definito l'Is nella rivendicazione.