La Cdu di Merkel vince in Nord Reno-Westfalia

La Cdu di Merkel vince in Nord Reno-Westfalia

Se l'Spd non dovesse vincere le elezioni nel Nord Reno-Westfalia, il Land dove Martin Schulz è nato, è possibile che il partito si muova più verso sinistra, distanziandosi ulteriormente dal governo federale. La vittoria, che sembrava scontata, della Kraft è messa in dubbio dagli ultimi sondaggi, che attribuiscono alla Cdu il 31%, un punto in più rispetto all'Spd.

Il disastro annunciato è stato confermato alle 18 di oggi: i socialdemocratici tedeschi, nel Nord Reno-Vestfalia, hanno incassato una terza, pesantissima sconfitta alle amministrative. Dimissioni che hanno "effetto immediato". È tormentato dall'alta disoccupazione e dagli elevati indici di povertà. Il sondaggio arriva nel giorno delle elezioni in Nord-Reno Westfalia, roccaforte dei social-democratici e della ministra presidente Hannelore Kraft. Quella cioè incoronata in pompa magna pochi mesi fa alla guida del Land Berlino e che, pur non convincendo l'Spd, potrebbe aver i numeri per funzionare dal prossimo autunno anche a livello federale. Profondamente deluso anche l'ex presidente del Parlamento europeo: "Così è: vinciamo insieme e perdiamo insieme". Una brutta batosta per Martin Schulz, che a settembre sfiderà la Merkel per la cancelleria. "Abbiamo 17 mila nuovi iscritti, abbiamo convinto una sacco di persone che vale di nuovo la pena", ha aggiunto, mostrando di voler andare avanti: "Ho capito che la gente non vuole che io parli solo di giustizia sociale. Dobbiamo rendere questo paese più giusto e difendere l'Europa dai populisti", ha detto invece Schulz, manifestando meno delle due volte precedenti (la prima sconfitta nel Saarland, a fine marzo, la seconda 7 giorni fa nello Schleswig-Holstein) l'amarezza per un esito che non lo "lascia certo contento". Il fatto che i sondaggi diano il partito socialdemocratico in consistente calo significa con buona probabilità non solo che non avrà la maggioranza relativa all'interno del Parlamento regionale, ma sarà molto difficile che possa essere alla guida di una coalizione con il partito dei Verdi ed eventualmente anche con il partito della Linke.