Inter-Napoli 0-1, Callejon e Nagatomo castigano Pioli: quarto ko nelle ultime 5!

Inter-Napoli 0-1, Callejon e Nagatomo castigano Pioli: quarto ko nelle ultime 5!

Partenopei a-1 dai giallorossi e dal secondo posto.

Napoli (4-3-3): Reina 6; Hysaj 6.5, Raúl Albiol 6.5, Koulibaly 7, Ghoulam 6.5; Zieliński 6.5 (63′ Rog 6.5), Diawara 6.5, Hamšík 6 (72′ Allan 6); Callejón 7, Mertens 6.5 (80′ Milik sv), Insigne 7. Goal che viene comunque siglato dagli azzurri al 43' con Callejon, che sblocca il match: l'attaccante spagnolo sfrutta un disimpegno errato di Nagatomo - che era riuscito nella diagonale per poi svirgolare nell'intervento - e deposita il pallone in rete da posizione ravvicinata. "La presenza del presidente Zhang è di grande stimolo, parleremo delle nostre situazioni ma ci sarà tempo dopo la partita".

Primo tempo di grande intensità tra Inter e Napoli. Al 68′ magia di Insigne, che con il tacco prova a beffare Handanovic: il portiere dell'Inter dimostra tutta la sua reattività mettendoci il guantone.

Chiuderà la trentaquattresima giornata di Serie A il posticipo di domani sera tra Inter e Napoli con entrambe le squadre desiderose di punti per raggiungere i propri obiettivi: gli azzurri vogliono consolidare il terzo posto e sperare in un passo falso della Roma nel derby per pressare la seconda piazza, mentre l'Inter deve ritrovare il treno per un posto in Europa League. Momento delicato anche per i nerazzurri che non vincono da cinque turni, dopo il 7-1 sull'Atalanta. Il chairman di Suning si è affrettato a ribadire la fiducia a Stefano Pioli ancor prima della partita forse per arrestare i 'rumori' di sottofondo, quelli che spingono verso Simeone e Conte. Sul finale di gara l'Inter prova ad aumentare l'intensità in campo, alla ricerca del pareggio. Sul gol c'è stato un errore e quello ha complicato le cose, anche se nella ripresa abbiamo creato qualche occasione. "Ho anche visto molta personalità dei ragazzi, però dovevamo mettere la partita al sicuro segnando ancora, cosa che avremmo potuto fare se guardiamo quante palle gol possibili abbiamo avuto". Siamo contenti di questa partita, stadio e avversario difficile.

I 15 punti di differenza in classifica (diventati 18) si vedono tutti in campo e fanno riflettere su quanta strada si debba fare a Milano, sponda nerazzurra, per ridurre il gap dalle prime della classe. Nel girone di ritorno il Napoli ha fatto più punti di tutti, anche della Juventus. "Abbiamo un monte stipendi che non è nemmeno la metà rispetto ad altre squadre". Ma noi siamo un popolo di sognatori e speriamo che il sogno si avveri.