Il mondo dello sport piange Hayden e la Viellehner

Come anticipato, nel 2006 Nichy Hayden riuscì, dopo una scoppiettante stagione, a vincere il titolo di campione del mondo ai danni di Valentino Rossi, ma il Dottore ha sempre ribadito che tra i due non c'è mai stata una competizione, se non puramente sportiva, visto il profondo legame di amicizia che li legava.

Nicky Hayden è stato travolto da un'auto mentre si allenava in bicicletta a Misano Adriatico, nel Riminese, poco distante dal circuito che da anni ospita il Gran premio di San Marino e che è intitolato alla memoria di Marco Simoncelli.

Le sue condizioni erano apparse fin da subito gravissime: aveva infatti riportato numerose ferite dopo essere stato sbalzato sul cofano della vettura e avere sfondato il parabrezza mentre la sua bici, spezzata, è finita in un fosso ai lati della carreggiata. Gli inquirenti stanno valutando se la Peugeot che ha investito Hayden rispettasse o meno i limiti di velocità.

L'ipotesi che Kentucky Kid fosse distratto dalla musica del suo IPod non risulta totalmente convincente e una incredibile foto è stata fornita da Luca Ricci, presidente dell'Auto Moto Club Emilia Romagna; nell'immagine si nota chiaramente come la segnaletica orizzontale sia praticamente invisibile: oltre alla scritta "STOP" illeggibile, pure le strisce bianche sono sbiadite, quasi inesistenti. E' probabile che la stessa cosa facciano il legale della famiglia Hayden e quello dell'automobilista.

È morto, dopo cinque giorni dall'incidente in bici, il pilota di Superbike Nicky Hayden. Tommy Hayden, anche egli pilota, ha voluto inviare tutti i risultati degli esami ai quali è stato sottoposto il fratello a diversi specialisti Usa, nella speranza di un miracolo, che però non è avvenuto. Poi la Ducati e nel 2016 il passaggio in Superbike con Honda, concludendo al quinto posto in classifica generale.