Grand Prix di Napoli: Magnini ruba il microfono per ringraziare i napoletani

NUOTOPellegrini a Napoli, 3 vittorie in un giornoEntusiasmo alle stelle alla Piscina Scandone per Federica Pellegrini.

"La Piscina Scandone? Ero preoccupata: me ne avevano parlato male, ma alla fine l'impianto è messo meglio di quanto potessi immaginare".

FILIPPO MAGNINI - Anche Re Magno, dal canto suo, si è preso, senza alcuna sorpresa, lo scettro nei 100 (50.85) e 200 stile libero (1'51.02) con una vera e propria prova di forza e sollevando ovazioni e incitazioni entusiastiche nel pubblico sin dal suo ingresso in vasca in fase di riscaldamento. Quindi si è passati a parlare del suo rapporto con Napoli: "Non vengo spesso qui - ha detto - ma a Napoli sono legati tanti miei bei ricordi". Guardo con attenzione ai Mondiali di luglio a Budapest, e in questa ottica le gare del Grand Prix Città di Napoli servono da importante preparazione alla rassegna iridata. Magnini ha vinto la sua batteria dei 100 sl chiudendo in 52.52, prestazione destinata a essere migliorata nella finale di domani pomeriggio. È ancora molto lontano come obiettivo".Infine, un pensiero per Francesco Totti (hanno trascorso insieme al gruppo di amici di Malagò il capodanno alle Maldive): "È un esempio per tutti gli sportivi, un giocatore che ha dato tanto alla sua squadra e all'intero mondo del calcio e dello sport. La nuotatrice veneta ha però subito precisato che "ci sono tante vasche in Italia che non sono messe benissimo". Alla Piscina Scandone questa mattina si è visto di nuovo Filippo Magnini, che però non è sceso in acqua, dove invece sarà nel pomeriggio, impegnato nella finale dei 100 stile libero. È un piacere gareggiare con tanti ragazzi che ti considerano un punto di riferimento.