#Giro100. Gaviria trionfa in volata, ma Messina è tutta per Vincenzo Nibali

#Giro100. Gaviria trionfa in volata, ma Messina è tutta per Vincenzo Nibali

Un'arrampicata che gli organizzatori del Giro d'Italia hanno classificato di seconda categoria. A casa di Vincenzo Nibali vince ancora Fernando Gaviria, già sugli scudi domenica a Cagliari. Il Giro d'Italia 2017, centesima edizione della manifestazione, si svolge in 21 tappe dal 5 al 28 maggio 2017, per un totale di 3609,1 km.

Lungo la via Garibaldi, Piazza Castronovo, Villa Mazzini, tanti li striscioni e le iniziative organizzate in città per lo squalo, Ovazione per lui, quando invitato dal primo cittadino, Renato Accorinti, è salito sul palco della premiazione per rendere il giusto omaggio ai suoi tifosi. Ed alla fine, quando sono tornati in albergo, dopo soli 48 chilometri di allenamento (meglio non forzare), il morale era alto: "C'era un bellissimo panorama sulla collina - dice Cioni - domani, però ci sarà da faticare".

Si parte dai 700 metri di Nicolosi e si arriva a quota 1.892 di Rifugio Sapienza, una cima più alta di altre salite storiche come il Mortirolo o il Passo del Tonale. Gli ultimi chilometri della salita finale sono su strada larga e in asfalto, con una pendenza media intorno al 6 per cento e senza picchi particolarmente intensi.

Tegola sul team Bahrain-Merida, la squadra di capitan Vincenzo Nibali, uno dei pretendenti alla vittoria finale del 100/o Giro d'Italia.

"Ciao Sardegna", tre cuoricini rossi e, insieme, una bellissima foto che rende l'idea dello splendore dell'isola e della corsa rosa nelle sue strade.

A trionfare davanti ai tifosi siciliani è stato un eccellente Fernando Gaviria, ma l'uomo della giornata, ovviamente è il capitano della Bahrain Merida che ieri ha attaccato sull'Etna in attesa di capire il comportamento dei suoi avversari: "stavo bene, c'è stato un attacco per vedere se qualcuno venisse fuori e c'erano magari dei contrattacchi, era un po' quello che cercano, nessuno dei big ha avuto il coraggio di rispondere, a parte Dumoulin, ma per tutta la salita non abbiamo fatto altro che controllarci". Mareczko s.t.; 3. Bennett (Irl); 4.

Il Giro in numeri: 3615 km totali, 171,7 km media per tappa, 2 crono individuali, 6 tappe per velocisti, 8 tappe media montagna e 5 tappe alta montagna.

Tejay Van Garderen (Usa) s. t.