Gentiloni: Investimenti pubblici per 47 miliardi in 15 anni

Gentiloni: Investimenti pubblici per 47 miliardi in 15 anni

"Con la firma di oggi simbolicamente diamo avvio a una grande opera di investimenti pubblici per il nostro Paese".

Il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni ha firmato un decreto della presidenza del Consiglio dei ministri per la ripartizione del Fondo Investimenti e dato il via a un piano di investimenti pubblici per un totale di 47 miliardi di euro in 25 anni. "Gli investimenti pubblici sono decisivi per dare ossigeno alla ripresa e con questa fortissima iniezione di risorse, e con il completamento del codice degli appalti, abbiamo le condizioni per ripartire", ha aggiunto il premier sottolineando che "nel periodo immediato 2017-2019 le risorse aumenteranno del 15%". "Uno stato che investe in opere pubbliche a lungo termine investe sulla sicurezza del proprio territorio e avvicina il lavoro e le tasse dei nostri concittadini alla vita delle nostre comunità con una migliore qualità diffusa sul nostro territorio", ha concluso Gentiloni.

Il primo blocco, pari a 20,4 miliardi, verrà impiegato su infrastrutture ferroviarie, infrastrutture stradali rete ANAS, trasporto pubblico locale e ferrovie non interconnesse, infrastrutture portuali e Mose. "Altro settore rilevante è quello della messa in sicurezza degli edifici pubblici, tra cui particolare attenzione rivestono le scuole, ma anche i musei", ha proseguito il presidente del Consiglio, specificando che per quest'ultimo settore d'intervento sono previsti circa 8 miliardi di euro. "Poi interventi su acqua e sanità, sulle periferie, nel settore della difesa, nell'informatizzazione della giustizia". In questo ambito rientreranno i lavori per la difesa del suolo, la rimozione delle barriere architettoniche. Una parte delle risorse andrà a Polizia e Vigili del fuoco e al finanziamento del piano di prevenzione Casa Italia.

Completano il quadro gli investimenti per il sostegno della competitività e delle esportazioni (1,7 miliardi di euro): includono l'informatizzazione della giustizia e il potenziamento del credito all'esportazione.

- Investimenti per la sicurezza nazionale e l'alta tecnologia (12,8 mld): programmi ad alta tecnologia MiSE - Difesa; investimenti Difesa.