Frasi razziste su Kyenge, Borghezio condannato a pagare 50mila euro

Frasi razziste su Kyenge, Borghezio condannato a pagare 50mila euro

Lo hanno stabilito i giudici del Tribunale di Milano condannando anche l'europarlamentare della Lega Nord al pagamento di una sanzione pecuniaria da mille euro. I giudici di Milano hanno riqualificato il reato da 'propaganda di idee fondate su odio razziale' a 'diffamazione aggravata'. Borghezio, aveva sottolineato il pm Piero Basilone nella requisitoria, "era perfettamente a conoscenza della portata discriminatoria" contenuta nella sua telefonata. Oltre a un risarcimento da 50.000 per l'ex ministro.

Le parole che hanno messo nei guai Borghezio sono state: "Gli africani sono africani e appartengono a una etnia molto diversa dalla nostra". E poi ancora: "Non siamo congolesi, abbiamo un diritto ultramillenario" e "Kyenge fa il medico, gli abbiamo dato un posto in una Asl che e' stato tolto a qualche medico italiano".

Borghezio in aula si era difeso sostenendo che le sue erano solo critiche al governo e non frasi razziste. Il pm, invece, aveva chiesto per l'imputato una condanna a una multa da seimila euro.

IL COMMENTO DI BORGHEZIO - "Risarcimento di eccezionale importo che mi costringerebbe a vender casa".

LE FRASI INCRIMINATE. Cosa aveva detto esattemente Borghezio ai microfoni di Giuseppe Cruciani? Borghezio ha commentato così la sentenza: "Per la condanna penale pronunciata dal tribunale di Milano nei miei riguardi ho il rispetto dovuto". Se i garantisti del Pd pensano di tapparmi la bocca in questo modo, sbagliano. Infine la minaccia: "D'ora in poi, sarà occhio per occhio.". Pagherà più volentieri - aggiunge - considerandola un'opportunità, di riscatto. "Come annunciato, devolverò infatti - conferma Kyenge - questo suo risarcimento a progetti di accoglienza e alla causa dell'antirazzismo".