Francia, Macron vola nei sondaggi, ha scelto il futuro premier

Francia, Macron vola nei sondaggi, ha scelto il futuro premier

Dunque molti analisti lo danni per favorito al voto di domenica, anche perché si prevede un fenomeno già sperimentato nella politica francese, per via della cosiddetta "alleanza repubblicana", di convergenza di tutte le forze democratiche contro il Front National: il partito socialista e i conservatori di les Républicains hanno già dato indicazione di votare Macron, mentre il candidato della sinistra più radicale, Jean-Luc Mélenchon, si è astenuto dal dare indicazioni (però, secondo alcune rilevazioni, potrebbe optare per Le Pen al secondo turno ben il 28 per cento di chi ha votato la destra repubblicana al primo e il 17 per cento di chi ha votato Mélenchon). Tra Macron e la Le Pen siamo arrivati alle denunce per la questione del conto alle Bahamas.

Nonostante lo spettacolo poco gradevole, Emmanuel Macron è risultato rimanere in testa ai sondaggi per diventare presidente, e anche gli scommettitori hanno abbassato la sua quota a 1.00 e alzato quella della Le Pen a 7.00.

Negli ultimi minuti del confronto tv di ieri, quando Macron accusava il Front National di essere il "partito degli affari", Marine Le Pen glissando sull'argomento aveva replicato: "Spero non verremo a sapere che lei ha un conto offshore alle Bahamas", e di rimando il candidato l'ha accusata di diffamazione. Un'incertezza che per lo storico Piero Bevilacqua, ospite oggi a Memos, andrebbe risolta con un voto a Macron. "Non era un'insinuazione ma una domanda, si ha ancora il diritto di farne?", ha affermato Marine Le Pen questa mattina alla tv BFM, prima che si sapesse che Macron ha sporto denuncia. Protetta dal suo servizio d'ordine, la leader dell'estrema destra francese è rapidamente entrata nei locali dell'azienda di trasporti Guisnel. E la Procura di Parigi ha aperto un'indagine preliminare. "Ma se fossi stato l'arbitro, direi che è finita con un pareggio".

Secondo un sondaggio dell'istituto Elabe per BFM-Tv, sarebbe stato il candidato di En Marche! a fare breccia tra i francesi. E' il dato più eclatante della degenerazione della campagna elettorale per le presidenziali d'Oltralpe. Marine Le Pen ha incassato, poi ha reagito: "non giochi con me a professore e allieva", con allusione a una frase dello scambio del dibattito del 1981 fra Mitterrand e Giscard d'Estaing ma anche con colpo basso alla coppia Macron (Brigitte, la moglie, era professoressa nel liceo del giovane Emmanuel). Di fronte a questo spirito di sconfitta, io sono portatore dello spirito di conquista francese: la Francia ha sempre avuto successo nel mondo, la sua lingua si parla in tutti i continenti.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google.