Fincantieri: Calenda, accordo con Stx France "grande operazione di politica industriale"

Fincantieri: Calenda, accordo con Stx France

Fincantieri è assistita da BNP Paribas in qualita' di advisor finanziario.

Sulla base dell'Heads of Terms, firmato il 12 aprile, proseguono le negoziazioni tra Fincantieri e lo Stato francese per finalizzare gli accordi di governance tra i futuri azionisti di Stx France, fondata nel 1955 con sede a Saint-Nazaire, sulla costa atlantica, 2,600 dipendenti e una rete di oltre 500 fornitori. Nel 2016 ha generato ricavi per 1,4 miliardi di euro. Fincantieri da parte sua, come ribadito dall'amministratore delegato Giuseppe Bono in un'audizione alla commissioni attività produttive della Camera, intende far crescere del 50% il proprio fatturato entro il 2020.

"Due hanno preso atto, non hanno detto di no, mentre gli altri hanno detto di no, Force Ouvriere e Cgt si sono opposti", ha aggiunto, sottolineando che Fincantieri è impegnata a mantenere i livelli occupazionali per cinque anni, "salvo eventi eccezionali", clausola che avrebbe destato la preoccupazione die sindacati francesi.

"Stamattina - ha riferito Bono sorridendo e minimizzando la cosa - ho ricevuto molti complimenti nei quali mi hanno sottolineato che per la prima volta, dopo dieci anni, acquisiamo una società francese". "La competizione deve essere fra Europa e resto del mondo", ha aggiunto Bono. "La sfida per il futuro è spingere ancora di più sulla strada del consolidamento dell'industria europea".

"Mogherini - ha ricordato l'ad - ha detto che si dovrebbe partire con l'unificazione degli stati maggiori della difesa in Europa. Potremmo essere i primi a dare indicazione all'Europa che questa è la strada: l'Europa è nata pere evitare le guerre e mettere insieme le economie".

Risultati in linea con gli obiettivi del Piano Industriale 2016-2020: ricavi al 31 marzo 2017 in incremento del 5,3% rispetto al medesimo periodo del 2016, EBITDA margin 6,0% in netto miglioramento rispetto al 4,9% del 31 marzo 2016.