Facebook, multa di 100 milioni di euro: acquisiva informazioni da Whatsapp

Vestager ha commentato: "la decisione di oggi manda un chiaro segnale alle aziende circa la necessità di rispettare tutti gli aspetti delle regole europee sulla fusione, incluso l'obbligo di fornire informazioni corrette". "In particolare, si è riscontrato che Facebook effettuava operazioni di massa sui dati degli utenti ai fini pubblicitari - ha aggiunto il Cnil -".

Tre mesi dopo l'introduzione di questa modifica, la Commissione UE ha deciso di intervenire non vedendo di buon occhio per 'il libero mercato' la possibilità del principale social network del mondo di combinare i dati della piattaforma piu' usata al mondo per restare in contatto tra persone: i dati combinati dal social network e da Whatsapp avrebbero posto nelle mani di Facebook (intesa come società) un potere enorme sul mercato.

E' la prima volta che la Commissione impone una multa ad una azienda per aver fornito informazioni scorrette o ingannevoli da quando il regolamento sulle fusioni è entrato in vigore (2004). Al contrario, nell'agosto 2016, l'applicazione per smartphones ha annunciato aggiornamenti delle sue condizioni generali di utilizzo e della sua politica di confidenzialità che comprendevano la possibilità di associare i numeri di telefono degli utilizzatori con quelli di Facebook.

La società di Zuckerberg, però, ha poi ammesso di aver commesso l'irregolarità collaborando con la Commissione.

Facebook è stato multato dalla Commissione Europea per aver "fornito informazioni fuorvianti" durante la trattativa per l'acquisizione della famosa piattaforma WhatsApp nel 2014. Un collegamento reso possibile da WhatApp lo scorso agosto e la cui "possibilità tecnica", secondo la Commissione, era già a conoscenza dello staff di Menlo Park al momento della comunicazione. La stessa Commissione sottolinea comunque che la decisione non ha impatto sull' autorizzazione fornita a Facebook nell' ottobre 2014 per l' acquisizione di Whatsapp. "L'annuncio di oggi chiude questa questione".

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Il caso riguarda la corrispondenza tra i profili degli utilizzatori di Facebook e quelli di WhatsApp.