F1: Spagna, continua dominio Mercedes

Dopo le prime libere del Gp di Spagna di F1 le Mercedes finiscono davanti anche nella seconda sessione, anche se con un vantaggio più che dimezzato rispetto a quello del mattino sulle Ferrari.

Lewis, a chiosa, ha lodato Max Verstappen, presente insieme a lui davanti ai microfoni: "Ha fatto un lavoro fantastico, ricordo la gara grandiosa dell'anno scorso appena è passato alla Red Bull. Ha una carriera incredibile davanti a lui".

La Mercedes mette subito le cose in chiaro.

A quasi un secondo di distacco troviamo la prima delle Ferrari di un Kimi Raikkonen che ha patito molto l'ultimo settore di pista e non è riuscito a sfruttare a dovere il nuovo pacchetto aerodinamico offerto dai tecnici di Maranello. Per la cronaca Roscoe, il cui sperma è stato fatto congelare dal pilota nei mesi scorsi, si è comportato benissimo: ha dormito sotto la sedia per tutti i 30 minuti dell'incontro con i giornalisti. "Sì, è un problema della finestra operativa di questi pneumatici" - ha confermato Hamilton - "Per tutto il weekend non sono riuscito a rientrare in quella particolare finestra". Non sono sorpreso della sua vittoria, avevo detto da inizio stagione che avrebbe lottato per il titolo. A chiudere la top ten ci sono Felipe Massa, che sembra aver ritrovato il ritmo giusto, e Carlos Sainz, pronto a replicare il buon piazzamento ottenuto lo scorso anno quando in gara chiuse sesto, miglior piazzamento mai ottenuto in carriera.

Inizia invece ancora una volta malissimo il weekend dell'altro spagnolo, Fernando Alonso.