DJI Spark: il drone comandabile con le gesture!

DJI Spark: il drone comandabile con le gesture!

Il minidrone può volare per 16 minuti prima che la batteria si esaurisca e, grazie alla tecnologia PalmControl riconosce determinati movimenti delle mani e li trasforma in comandi per lo scatto di fotografie e selfie. Leggero, pesa solamente 300 grammi, sta comodamente in un palmo della mano dalla quale può decollare o atterrare.

Spark è disponibile in cinque diverse colorazioni: Alpine White, Sky Blue, Meadow Green, Lava Red e Sunrise Yellow. In tutte queste modalità, mentre il drone si muove, la videocamera integrata registrerà un mini video di 10 secondi che gli utenti potranno, poi, condividere in rete, magari sui social network. DJI Spark è compatibile anche con i DJI Googles per un un volo davvero immersivo.

Spark è il nuovo drone DJI che introduce una piccola rivoluzione nel settore. Con il primo si dice al drone dove andare tappando con il dito sullo schermo del telefonino, con il secondo lo Spark riconoscerà e seguirà automaticamente un soggetto a scelta del pilota, mantenendolo al centro dell'inquadratura. Oltre a questo, DJI Spark integra sensori frontali per ostacoli, motivo per cui, utilizzando le varie modalità tra cui TapFly, non dovrete preoccuparvi di dover raccogliere il vostro drone con un cucchiaio. Si tratta di un accessorio con cui è possibile utilizzare la modalità "Sport" e far volare DJI Spark fino a 50 km/h. Riguardo le caratteristiche tecniche, il minidrone ha una fotocamera da 12 megapixel mentre i video sono realizzabili in risoluzione massima 1080p. Il gimbal meccanico a due assi dello Spark e la tecnologia UltraSmooth riducono drasticamente le vibrazioni e l'otturatore progressivo, lasciandoti catturare immagini cinematiche in modo semplice. Una varietà di filtri e modelli predefiniti di editing automatici nella app mobile DJI GO 4 permette ai creativi di modificare video velocemente e condividerli su Facebook, YouTube, Twitter, Instagram, e altre piattaforme di social media.

Il sistema di FlightAutonomy dello Spark consiste in una videocamera principale, un sistema di posizionamento visivo rivolto verso il basso, un sistema di sensori 3D in avanti, uno di posizionamento satellitare a due bande (GPS e GLONASS), un'unità di misura inerziale ad alta precisione e 24 potenti unità computazionali.

Come tutti gli ultimi droni DJI, Spark è in grado di ritornare alla base autonomamente. Quattro le opzioni di volo automatizzato con QuickShot: Rocket, che lancia Spark dritto in alto con la camera puntata verso il basso; Dronie, per farlo volare lontano; Circle, che fa roteare il drone intorno alla persona; Helix, che lo fa volare verso l'alto con traiettorie a spirale.

Certo non accessibilissimo, con un prezzo di vendita europeo dello Spark compresivo di: un velivolo, una batteria, un cavo di ricarica USB e tre paia di eliche, di 599 euro, ma pur sempre avvicinabile.