Crollo del ponte in A14, disastro colposo: 41 indagati

Crollo del ponte in A14, disastro colposo: 41 indagati

Sono 41 gli indagati per il crollo del ponte sull'autostrada A14 che ha causato due morti lo scorso 9 marzo. Tra gli indagati di Autostrade per l'Italia, l'ingegnere responsabile unico del procedimento Giovanni Scotto Lavina, il responsabile delle gare d'appalto Francesco Paolo Calabria, il co direttore generale Roberto Tomasi. Nell'elenco c'è anche Mauro Coletta, direttore dell'Istituto di vigilanza sulle concessioni autostradali.

L'accusa contesta i reati disastro colposo, cooperazione in omicidio colposo, lesioni personali e violazione delle norme sulla sicurezza sul lavoro. Si tratta di quattro società e 37 persone, tra cui 6 dirigenti e funzionari di Autostrade per l'Italia. Per la Spea, l'ispettore del cantiere Pasquale Petruzzelli, il direttore dei lavori Francesco Morabito, il vice direttore tecnico del cantiere di Delabech Vitantonio Sepe. Parti lese della vicenda processuale saranno i figli della coppia che ha perso la vita, oltre a tre operai della stessa Delabech, che erano rimasti feriti a seguito del tragico accaduto.