Coni: Giovanni Malagò rieletto presidente

Coni: Giovanni Malagò rieletto presidente

C'è soddisfazione per Giovanni Malagò.

"Durante il mio mandato i quattro quinti del programma sono stati realizzati, altre situazioni non sono dipese dalla volontà del Coni - ha detto Giovanni Malagò nella Sala d Onore del Foro Italico -".

"Vive congratulazioni" arrivano a Giovanni Malagò, appena riconfermato alla presidenza del CONI, dal Forum Nazionale del Terzo settore. Delle altre schede, due sono andate al rivale Sergio Grifoni, cinque sono state bianche, mentre una sola nulla.

Dopo oltre trent'anni gli sport rotellistici tornano, con un'espressione del territorio abruzzese, finalmente a sedere intorno al tavolo esecutivo del massimo organismo sportivo italiano a cui, come è noto, è affidato statutariamente l'indirizzo, il controllo e l'esecuzione dell'attività amministrativa del CONI. Decente solo nel calcio, che di fatto si autogoverna, nella pallavolo e nel nuoto che è la federazione che Malagò detesta (ricambiato). "Aspettiamo di vedere cosa succede a Lima (sede nel prossimo settembre dell'assegnazione dei Giochi del 2024 a Parigi o a Los Angeles, ndr) il sogno deve restare tale, poi dobbiamo guardare le reali possibilità". E si riferisce, al progetto dello sport a scuola: "In 4 anni, sono spesso cambiati i riferenti istituzionali e non è stato facile portare avanti le nostre istanze".

Grosseto: Il Consiglio nazionale del Coni ha eletto la nuova giunta nazionale. Ora però è indispensabile avere una legislatura piena e pianificare la legge quadro del nostro sistema, non tenendo più conto di apparati legislativi che sono ormai desueti. Vi chiedo di volare alto e mettere da parte i singoli protagonismi. Vogliamo andare avanti, facendo leva su coraggio e idee: poi la differenza la fanno le persone, soprattutto i 12 milioni di tesserati.