Compagno suicida, ruba arma e si spara

Compagno suicida, ruba arma e si spara

La donna, 48 anni, italiana residente in Valmarecchia, commerciante a San Marino, ha chiamato i soccorsi, allertando 118 e forze dell'ordine.

La donna non avrebbe retto alla scoperta del suicidio del marito, 60enne, impiccato nel capannone della propria ditta, e approfittando della distrazione di un militare gli ha preso l'arma e l'ha rivolta verso di sé. Un falegname di 60 anni si è suicidato, impiccandosi nel capannone della sua ditta. In seguito ha tentato di liberare il compagno dal cappio, anche con l'aiuto di un vicino intervenuto: ma ormai per l'uomo non c'era più nulla da fare. Allora chiama le forze dell'ordine e l'ambulanza, ma riesce a rubare la pistola di ordinanza ad un militare e si spara al petto. Mentre stavano portando via il cadavere, la donna - in stato di agitazione - ha afferrato la pistola di uno dei poliziotti intervenuti e si è sparata un colpo al torace prima che qualcuno potesse fermarla. Secondo un testimone, tra la donna e la guardia vi sarebbe stata una breve colluttazione con lei che ha avuto la meglio. Sulla dinamica indagano la gendarmeria e il tribunale sammarinese.