Come Grecia e Spagna. L'alert della Bce sulla disoccupazione giovanile in Italia

Come Grecia e Spagna. L'alert della Bce sulla disoccupazione giovanile in Italia

Nel merito, ovviamente, Draghi non poteva smentire sè stesso e quindi ha taciuto. Infatti, la Bce ha minacciato l'Italia e in particolare i leader dei partiti no-euro avverdendo che se davvero portassero il Paese fuori dall'euro l Bce sarebbe prontissima a farlo fallire accampando il presunto diritto di "farsi restituire in eruo" e non nella nuova valuta nazionale, nel caso, la lira, l'importo dei titoli di stato acquistati a piene mani dalla stessa Bce su sua decisione autonoma. E in occasione di un suo intervento al Parlamento dell'Olanda, il numero uno della Bce afferma che "è troppo presto per dichiarare vittoria nella battaglia sull'inflazione".

Ma le parole Italia, debito, Paesi del Sud, fanno spesso capolino durante le circa due ore dello "scambio di vedute" con i parlamentari olandesi, rappresentanti di un Paese in surplus dove i tassi negativi e il quantitative easing di Draghi non godono di buona fama. "Non sono un eroe", ribatte con distacco l'italiano: il Qe ha tirato l'Eurozona fuori da una quasi deflazione.

In aggiunta a ciò, Draghi ha poi ribadito che per il momento non sembrano esserci delle indicazioni convincenti per un incremento dei salari e dei prezzi interni, tali da poter influenzare la scelta di una revisione delle decisioni di politica monetaria. "Nell'area dell'euro, la ripresa economica si è evoluta da fragile e incerta in un movimento verso l'alto solido e a base larga. Non lo dirò. Non voglio speculare su teorie che non hanno alcuna probabilità di divenire realtà, punto".

Dall'euro non si torna indietro.

Cerca di stemperare la tensione Pieter Duisenberg, presidente della commissione Finanze: consegna a Draghi una lampada-tulipano a energia solare, "da osservare prima delle riunioni della Bce", scherza il figlio di Wim Duisenberg, primo presidente della Bce morto nel 2005. Ma non è chiaro quanto il dono, chiaro riferimento alla bolla finanziaria olandese e al denaro facile delle banche centrali che rischia di gonfiare i mercati, sia stato apprezzato.