Chianti Banca, per Bini Smaghi difficile ripensamento su adesione Ccb Trentino

Chianti Banca, per Bini Smaghi difficile ripensamento su adesione Ccb Trentino

Il presidente Lorenzo Bini Smaghi non ha ottenuto i voti sufficienti alla conferma.

L'assemblea dei soci ieri ha messo in minoranza la lista per il rinnovo degli amministratori che conteneva il nome di Bini Smaghi, che è presidente uscente della banca di credito cooperativo.

Di seguito il resoconto degli ordini del giorno affrontati durante l'assemblea.

Alla fine di un lunghissimo scrutinio e di un'interminabile giornata la lista 'Fedeltà alla storia e alla tradizione' conquista oltre 1.500 voti (1.519 per l'esattezza) il 54% del totale, mentre la lista cda del presidente Bini Smaghi ha registrato 1.178 preferenze.

In apertura di assemblea Bini Smaghi aveva letto una lettera di Via Nazionale che accompagna il documento riservato inviato al termine dell'ispezione (4 aprile). Io resterò socio, lo sono da sempre.

In attesa della prima riunione, domani, del nuovo consiglio d'amministrazione per l'assegnazione delle deleghe (favorito per la presidenza pare Cristiano Iacopozzi, docente all'Università di Siena), canta vittoria il fronte che preferirebbe, per il futuro di ChiantiBanca, l'approdo nel gruppo Iccrea anziché nella holding trentina Cassa centrale banca. I successivi interventi per alzare il livello di copertura hanno fondamentalmente determinato la perdita di bilancio. Il clima era già teso all'avvio dell'assemblea. Dopo il saluto del presidente ha preso la parola il direttore generale - che aveva dato le proprie dimissioni qualche mese fa insieme a mezzo cda - Andrea Bianchi. "Bisogna essere trasparenti, nel bene e nel male - ha detto Bini Smaghi nelle sue repliche ai soci -; il nostro non è giustizialismo, siamo amici ma le cose bisogna dirsele a tutela della banca". Nel suo intervento Bianchi ha reso noto le linee guida della sua azione di governance degli anni messa sotto la lente dalla Banca d'Italia. Noi non siamo la Mps del passato: "siamo una banca seria e solida".