Cassano: "Milan squadra di scappati di casa"

Cassano:

"Nessuno deve azzardarsi a dire cosa deve fare Totti, sono convinto che voglia continuare e glielo consiglierei pure io". La Juve in Champions? Sarei felice per Buffon perché la vuole vincere assolutamente e così gli danno sto benedetto Pallone d'oro. Qualcuno accanto a Pallotta non lo vuole, c'è qualcuno che muove i fili. "Se sta bene fisicamente, può fare ancora tanti gol". "Lo merita. Alla Juventus e ad Allegri posso fare solo i complimenti per quello che hanno fatto, ma io preferisco essere il Barcellona: ognuno ha il suo modo di giocare". Una battuta anche sulla sua squadra del cuore: "l'Inter è stata ingiusta con Pioli, è una brava persona e meritava di finire la stagione - dice Cassano -. L'Inter ha sbagliato. La colpa non è sua, è che non ha giocatori all'altezza dell'Inter: i nerazzurri sono sopravvalutati da inizio anno". Spende tantissimo e poi Schick lo prendono a 4 milioni alla Samp, qualcosa non quadra. Frecciata a Balotelli, che su Twitter aveva commentato le dichiarazioni di Cassano riguardo le sue prestazioni: "È un ottimo calciatore, ma ne passa da essere un campione". Ma i suoi pensieri sono spesso rivolti a quella rossonera. Passando per un commento sul Milan, sua ex squadra: "Sono degli scappati di casa, Montella merita un 10 per il lavoro svolto finora". E' questa la verità. Ai miei tempi non si sarebbero spogliati neanche fuori da Milanello. "Lo staff medico del Milan mi ha aiutato tanto, ho visto la morte con gli occhi".

RIMPIANTI - "Nessun rimpianto per la mia carriera, ho avuto tante chance perché ero forte". Mario dice che nel calcio gli amici non esistono? Facevo solo serate. L'imitazione di Capello?