Bob Jungles si aggiudica la 15ª tappa del Giro d'Italia

Bob Jungles si aggiudica la 15ª tappa del Giro d'Italia

Una domenica nel segno del Giro d'Italia per i bergamaschi che fin dalla mattina hanno iniziato ad affollare le strade della corsa rosa per godersi lo spettacolo. Ultimi chilometri attraverso Bergamo Alta salendo alla Porta Garibaldi e poi (con 200 m in acciottolato) a Largo Aperto.

Nella volata di gruppo che raccoglie il gruppo dei migliori, Jungels è bravo a mettersi alle spalle Nairo Quintana e Thibaut Pinot. La tappa entra nel vivo con la salita del Montegrappa, oltre 24 km di ascesa con le maggiori difficoltà nei primi km. "Non ci credo ancora", ha detto.

Tappa corsa a velocità insostenibili, a lungo sopra i 50 orari, con un paio di fughe successive che però non hanno mai trovato grande spazio. Sono bastati pochi metri di discesa per vedere lo Squalo all'attacco, determinato a far saltare il banco ed a guadagnare terreno su Dumoulin. Dumoulin davanti dà lezioni di fair-play. Da segnalare molte cadute in discesa tra cui Davide Formolo che ha perso una trentina di secondi nella lotta per la maglia bianca. Dopo le cosiddette prove tecniche di fuga, in quattro sembrano puntare più di altri alla vittoria: sono i francesi Pierre Rolland e Rudy Molard, lo spagnolo Luis Leòn Sanchez, l'irlandese Philip Deignan, il sudafricano Jacques Janse Van Rensburg.

Per la chiusura di questa edizione del Giro d'Italia si ritorna al passato con una cronometro individuale dall'autodromo di Monza a Milano.

Venti chilometri dopo, mentre il gruppo è lanciato verso la città dei Mille, un altro colpo di scena.

Strappo finale: Nibali fa tirare Visconti e Pellizotti. Retta finale di 800 m, larghezza 7,5 m su fondo asfaltato in discesa nella prima parte e pianeggiante poi. Sette gli arrivi di tappa: dal 1912, quando si impose Vincenzo Borgarello, fino al 2009, quando primo arrivò il bielorusso Kanstantsin Siutsou. "Ricordiamo i loro distacchi attuali: "Quintana è secondo a 2'41", Pinot terzo a 3'21", Nibali quarto a 3'40", saranno in lotta anche fra di loro ma per ora potrebbero cercare un'alleanza con il comune obiettivo di mettere in crisi Dumoulin.

5 - Domenico Pozzovivo (AG2R La Mondiale) s.t. Nibali, 8. Dumoulin (Ola), 9. Mollema (Ola). Classifica: 1.