Banca Carige, tra Malacalza e Bastianini è ormai guerra aperta

Banca Carige, tra Malacalza e Bastianini è ormai guerra aperta

La guerra nel Cda di Carige ha già fatto la prima vittima: il titolo della banca quotato a Piazza Affari, che crolla in questo momento del 6,25% a 0,234 euro, con un minimo di seduta a 0,228 e dopo essere stato congelato per eccesso di ribasso. In un comunicato diffuso nella tarda serata del 30 maggio si legge: " si comunica che i componenti del Consiglio di Amministrazione e del Collegio Sindacale di Banca Carige hanno ricevuto, in prossimità della riunione consiliare odierna, una comunicazione del Vice Presidente Ing.

Non stupisce che quanto accaduto ieri vada ad aggravare ulteriormente l'immagine delle banche italiane, di cui già Carige viene considerata un anello debole. In realtà secondo fonti di stampa è possibile a dimettersi sia Bastianini, che potrebbe essere sostituito da un nuovo amministratore straordinario anche se non si esclude completamente l'ipotesi di un commissariamento.

Una nota di Mediobanca avverte stamani che "la rottura tra il principale azionista e il top management potrebbe ritardare il de-risking della banca, riteniamo che lo stallo della governance sulla strategia di de-risking in una banca monitorata da vicino dal regolatore possa avere effetti negativi nella percezione del mercato del settore bancario italiano nel suoi complesso".

Carige ha bond subordinati per 665 milioni di euro in totale, ma si tratta di titoli subordinati che staccano cedola, gli unici subordinati 'perpetual', quindi assimilati al capitale, e che non staccano cedola, e' l'emissione da 160 milioni venduta a Generali Ass. nel 2008 di cui circa la metà (80 mln) sarebbe stata rivenduta dal Leone a hedge fund.

Genova - Il consiglio di amministrazione di Banca Carige si è concluso intorno alle 19 che ha dato il via libera alla vendita della prima tranche di crediti deteriorati da 950 milioni di euro, che sarà ceduta tramite le garanzie statali Gacs. Il timore di Malacalza e' che l'operazione, strutturata da Bastianini, conduca a una perdita di valore della banca, La lettera sara' discussa dal cda il 9 giugno.

Resa dei conti in Banca Carige. Il Cda, spiega in una nota la banca, "è stato informato circa le pretese risarcitorie" del fondo americano e degli ex vertici.