Auto, ad aprile primo calo per le immatricolazioni

La vendita di auto in Italia ad aprile sono calate del 4.6% rispetto all'anno scorso. In contrasto con il mercato generale che ha registrato un calo di 8 punti rispetto allo stesso mese dell'anno precedente.

Continua la corsa di Fca sul mercato tedesco. Nel dettaglio, ad aprile FCA ha immatricolato quasi 46.900 vetture (il 4 per cento in meno rispetto all'anno scorso) per una quota del 29,2 per cento, in leggera crescita dello 0,1 per centoNel primo quadrimestre del 2017 le registrazioni FCA sono state più di 219 mila, pari a un incremento del 9,6 per cento in confronto allo stesso periodo dell'anno scorso. Al quinto posto troviamo Fiat 500L (4.939), che risale di quattro posizioni, e al sesto Fiat 500 (4.009); nona posizione, infine, per la Fiat 500X (3.381). Nel primo quadrimestre 2017, i trasferimenti di proprietà sono 1.600.919, il 2,7% in meno rispetto allo stesso quadrimestre del 2016.

Dopo 34 mesi consecutivi di crescita il mercato dell'auto italiano presenta un segno negativo. Non si tratta di un segnale preoccupante: "il miglioramento del clima di fiducia dei consumatori, il calo dei prezzi dei carburanti e la buona performance delle vetture italiane fanno ben sperare per il mantenimento di volumi di mercato in linea con le previsioni nei mesi a venire". "Non è una battuta d'arresto", ma "soltanto un effetto di calendario" dovuto a due giorni lavorativi in meno, alle feste di Pasqua e ai 'ponti´, la ripresa continuerà a maggio, afferma Gian Primo Quagliano, presidente del Centro Studi Promotor. Nei primi quattro mesi del 2017, le immatricolazioni complessive ammontano a 220.733 (+9,9%), con una quota di mercato del 29,7% (contro il 29,2% di un anno fa). Il che porterebbe le immatricolazioni totali a circa 1.950.000 pezzi. A marzo, le vendite avevano segnato un aumento del 18,38%.